Lo studio dei fenomeni più potenti dell'Universo

Il fattore determinante nello sviluppo dell'astrofisica degli ultimi decenni è stata la possibilità di ampliare a tutto lo spettro elettromagnetico la banda osservabile, prima confinata alla radiazione visibile, e di rivelare le particelle di alta energia provenienti dagli oggetti celesti. Ciò è stato possibile solo quando si è stati in grado di portare i telescopi e rivelatori al di fuori dello schermo assorbente dell'atmosfera. L’astrofisica delle alte energie, nelle bande X e gamma, è quindi una scienza relativamente giovane, nata con la conquista dello spazio e gli italiani possono essere considerati tra i padri di questo ramo dell’astronomia moderna: Bruno Rossi negli Stati Uniti e Giuseppe Occhialini, detto “Beppo”, in Europa sono stati infatti tra i primi a sviluppare tecniche osservative e a sperimentare in questi campi.

‣ Tutte le missioni

Agile

Agile ‣

AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è una missione italiana dedicata allo studio dell’Universo nelle alte energie

XMM-Newton

XMM-Newton ‣

La missione X-ray Multi-Mirror, ribattezzata XMM-Newton in onore del fisico inglese, è il più importante contributo europeo all’astronomia nella banda dei raggi X

SWIFT

SWIFT ‣

Swift è una missione della classe MIDEX – NASA dedicata all’astrofisica delle alte energie realizzata in collaborazione con Italia e Regno Unito

FERMI

FERMI ‣

FERMI è un telescopio spaziale di grande area per la rilevazione di raggi gamma

INTEGRAL

INTEGRAL ‣

INTEGRAL è una missione europea in collaborazione con Russia e Stati Uniti per l’osservazione dallo spazio della radiazione tra le più energetiche dell’Universo

Calet

Calet ‣

CALET è un osservatorio operante sulla Stazione Spaziale Internazionale specializzato per la misura degli elettroni cosmici

AMS-02

AMS-02 ‣

L’Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) è un rivelatore di particelle operante come modulo esterno della Stazione Spaziale Internazionale.


ATHENA

ATHENA ‣

ATHENA è  la seconda missione di classe Large dell’ESA, e sarà il grande osservatorio di astrofisica a raggi X della prossima generazione, con lancio previsto nel 2030

Gaps

Gaps ‣

GAPS è un esperimento condotto su pallone stratosferico per lo studio e la ricerca della componente di antimateria nei raggi cosmici

IXPE

IXPE ‣

L’Imaging X-ray Polarimetry Explorer (IXPE) è una missione in sviluppo che fa parte del programma spaziale SMEX della NASA, il cui Principal Investigator  è il Dr. Martin Weisskopf del NASA/Marshall Space Flight Center (MSFC) ad Huntsville in Alabama, USA.

BeppoSax

BeppoSax ‣

Satellite italiano pioniere dello studio delle sorgenti X

‣ News

GIOVEDÌ 12 MARZO 2020

ExoMars rinviata al 2022 ‣

La missione ExoMars destinata allo studio di Marte è stata rinviata alla prossima finestra di lancio prevista tra due anni MORE...

VENERDÌ 06 MARZO 2020

LISA Pathfinder, conferita la Tycho Brahe Medal 2020 a Stefano Vitale ‣

Per il suo ruolo alla guida della missione dell'Esa, realizzata con il supporto di ASI, INFN e Università di Trento MORE...

LUNEDÌ 10 FEBBRAIO 2020

SOLAR ORBITER: INIZIATO IL VIAGGIO VERSO IL SOLE ‣

Partita la sonda che ci svelerà nuovi segreti della nostra stella. A bordo fondamentali strumenti italiani realizzati con il contributo di ASI e INAF MORE...

MERCOLEDÌ 04 DICEMBRE 2019

LARES, missione compiuta! E la prossima è quasi in rampa di lancio ‣

Dopo sette anni di lavoro, il satellite ASI ha prodotto dati rilevanti per verificare la teoria della relatività di Einstein MORE...

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE 2019

Oltre i limiti: MAGIC apre una nuova era nell’astronomia gamma ‣

Un lavoro di squadra perfetto, che ha coinvolto telescopi spaziali e sulla Terra nonché centinaia di ricercatori in tutto il mondo, ha permesso di registrare, per la prima volta in assoluto, fotoni di altissima energia emessi da un lampo di raggi gamma, o GRB, il risultato di una potentissima esplosione cosmica, registrato il 14 gennaio 2019. MORE...