La missione FERMI (già GLAST) fa parte del programma della NASA sullo studio della Struttura ed Evoluzione dell'Universo e del programma di ricerca di fisica fondamentale senza acceleratori del DOE (USA). La missione è inoltre supportata da programmi di fisica ed astrofisica in numerosi paesi partner come Francia, Germania, Italia, Giappone e Svezia.

L’osservatorio FERMI è composto da due strumenti, il Large Area Telescope (LAT) ed il Gamma-ray Burst Monitor (GBM) che mapperanno il cosmo da un'energia di circa 10 keV fino a centinaia di GeV; valori di energia così elevati non sono stati  mai raggiunti finora. Il LAT è uno strumento di responsabilità USA (P.I. Peter Michelson, U. of Stanford), con partecipazione di Italia, Francia, Svezia e Giappone.

Gli obiettivi scientifici di GLAST possono essere sintetizzati nei punti seguenti: Comprensione del meccanismo di accelerazione delle particelle nei Nuclei Galattici Attivi (AGN), nelle Pulsar e Supernovae (SNR), fondamentale per risolvere il mistero della formazione dei jet e la dinamica degli shocks nei resti di Supernova. Mappatura del cielo nella componente di radiazione gamma: sorgenti non identificate e emissione diffusa interstellare dalla Via Lattea. Determinazione del comportamento ad alta energia dei GRB e di altri fenomeni transienti. La variabilità è la caratteristica principale del cielo gamma. Studi sulla natura della materia oscura : ricerca di possibili decadimenti di particelle esotiche nell'Universo primordiale e di processi di annichilazione di WIMPS nell'alone della Via Lattea.

L’importante contributo Italiano, a responsabilità INFN, è relativo alla progettazione e costruzione del tracker del LAT (finanziato anche da ASI), la gestione, distribuzione ed analisi dei dati della missione attraverso il centro ASI SSDC ed il loro utilizzo da parte della comunità italiana (coordinata anche da INAF) che è, tradizionalmente, tra le più attive nell'astrofisica delle alte energie.

‣ News

MERCOLEDÌ 19 GENNAIO 2022

Ricerca dell’acqua su Marte, un nuovo studio ‣

Intervista al team di scienziati italiani autori dell'articolo che valuta il ruolo dell'argilla e dei sali sull'origine dei riflessi luminosi basali di Marsis MORE...

MARTEDÌ 18 GENNAIO 2022

ExoMars si prepara al lancio ‣

Completati con successo i test sul terreno marziano simulato di Altec a Torino. Il rover gemello del Rosalind Franklin dedicato ad Amalia Ercoli Finzi MORE...

VENERDÌ 14 GENNAIO 2022

La missione PLATO ottiene il vai libera per la sua prossima fase ‣

La missione PLATO dell'ESA ha ricevuto il via libera a completare il processo di costruzione del satellite e del Payload, a cui l’Italia ha contribuito, sotto il coordinamento dell’ASI, finanziando le attività industriali per la realizzazione delle parti di responsabilità italiana per la missione e fornendo il supporto al team scientifico MORE...

MERCOLEDÌ 12 GENNAIO 2022

Il telescopio spaziale IXPE avvia le osservazioni scientifiche ‣

Il satellite, frutto di una collaborazione tra NASA e ASI, con il contributo di INAF e INFN, inaugura la propria missione scientifica osservando per 19 giorni il resto di supernova Cas A MORE...

LUNEDÌ 10 GENNAIO 2022

Quelle profonde similitudini tra vortici oceanici terrestri e cicloni atmosferici su Giove ‣

Analogie tra i cicloni gioviani e i moti oceanici della Terra: questi i risultati di un articolo pubblicato oggi su Nature Physics, ottenuti grazie alle immagini dello strumento italiano JIRAM a bordi della missione JUNO della NASA. Rappresentanti INAF e ASI nel team dello studio MORE...