La missione FERMI (già GLAST) fa parte del programma della NASA sullo studio della Struttura ed Evoluzione dell'Universo e del programma di ricerca di fisica fondamentale senza acceleratori del DOE (USA). La missione è inoltre supportata da programmi di fisica ed astrofisica in numerosi paesi partner come Francia, Germania, Italia, Giappone e Svezia.

L’osservatorio FERMI è composto da due strumenti, il Large Area Telescope (LAT) ed il Gamma-ray Burst Monitor (GBM) che mapperanno il cosmo da un'energia di circa 10 keV fino a centinaia di GeV; valori di energia così elevati non sono stati  mai raggiunti finora. Il LAT è uno strumento di responsabilità USA (P.I. Peter Michelson, U. of Stanford), con partecipazione di Italia, Francia, Svezia e Giappone.

Gli obiettivi scientifici di GLAST possono essere sintetizzati nei punti seguenti: Comprensione del meccanismo di accelerazione delle particelle nei Nuclei Galattici Attivi (AGN), nelle Pulsar e Supernovae (SNR), fondamentale per risolvere il mistero della formazione dei jet e la dinamica degli shocks nei resti di Supernova. Mappatura del cielo nella componente di radiazione gamma: sorgenti non identificate e emissione diffusa interstellare dalla Via Lattea. Determinazione del comportamento ad alta energia dei GRB e di altri fenomeni transienti. La variabilità è la caratteristica principale del cielo gamma. Studi sulla natura della materia oscura : ricerca di possibili decadimenti di particelle esotiche nell'Universo primordiale e di processi di annichilazione di WIMPS nell'alone della Via Lattea.

L’importante contributo Italiano, a responsabilità INFN, è relativo alla progettazione e costruzione del tracker del LAT (finanziato anche da ASI), la gestione, distribuzione ed analisi dei dati della missione attraverso il centro ASI SSDC ed il loro utilizzo da parte della comunità italiana (coordinata anche da INAF) che è, tradizionalmente, tra le più attive nell'astrofisica delle alte energie.

‣ News

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2023

Il Sesto Convegno nazionale della Collaborazione Euclid Italia 2023 ‣

In programma presso la sede dell'Agenzia Spaziale Italiana dal 19 al 20 Gennaio 2023 MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

La scienza di LICIACube in primo piano ‣

Il team di ricercatori della missione LICIACube protagonista al convegno dell’American Geophysical Union MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

ASI e INAF in prima linea contro il rischi di impattori imminenti ‣

Esperimento di "risposta rapida" effettuato nell'ambito del progetto NEOROCKS MORE...

GIOVEDÌ 22 DICEMBRE 2022

Vela, una pulsar al limite (della polarizzazione) ‣

La missione IXPE, frutto di una collaborazione tra NASA e ASI, ha osservato una particolare pulsar nella costellazione della Vela. Studio su Nature MORE...