Il General AntiParticle Spectrometer (GAPS) è un esperimento per lo studio della rarissima componente di antimateria dei raggi cosmici e specializzato per la identificazione di anti-nuclei (anti-protoni, anti-deuterio e anti-elio) di bassa energia, inferiore a 0.25 GeV/n (“giga-electronvolt per nucleone”).

GAPS utilizzerà una tecnica innovativa per la misura di anti-nuclei nei raggi cosmici, andando a identificare i decadimenti di atomi esotici risultanti dalla cattura degli anti-nuclei da parte degli atomi del materiale dei rivelatori dello strumento. Attraversando l’apparato gli anti-nuclei rallentano fino ad annichilare. Prima di annichilare a riposo, l’anti-nucleo viene catturato dal materiale e forma un atomo esotico eccitato. Diseccitandosi emette raggi X di energie be definite nella transizione dell’antinucleo tra i livelli eccitati dell’atomo. La misura dell’energia di questi raggi X, accompagnata a quella del tempo di volo e delle perdite di energia per ionizzazione dell’anti-nucleo ed alla misura della molteplicità di particelle secondarie (pioni, protoni, ecc.) emesse quando l’anti-nucleo annichila, permettono l’identificazione degli anti-nuclei con altissima precisione

Anti-deuterio e anti-elio sono componenti estremamente rare dei raggi cosmici, che ad oggi non sono mai state rivelate dai rivelatori nello spazio. La osservazione di una singola particella di anti-deuterio o anti-elio potrebbe fornire informazioni senza precedenti per la comprensione dell’Universo, rivelando dettagli unici sulla natura della materia oscura e sui modelli di propagazione dei raggi cosmici.

L’esperimento GAPS verrà condotto con un volo di lunga durata (30 giorni) su pallone stratosferico dall'Antartide. La finestra di lancio è prevista tra dicembre 2021 e febbraio 2022 dalla stazione americana di McMurdo. Con solamente un volo si raggiungeranno gli scopi scientifici previsti per quanto riguarda la fisica degli antiprotoni. Tre voli di lunga durata saranno sufficienti per misurare abbastanza raggi cosmici e raggiungere gli obiettivi scientifici previsti per le misure di anti-deuterio e anti-elio.

GAPS è una missione sponsorizzata dalla NASA alla quale partecipano ricercatori di Università e istituzioni americane, giapponesi e italiane. L’Agenzia Spaziale Italiana partecipa alla missione GAPS dal 2018, supportando ricercatori INFN e Università di Firenze, Pavia, Bergamo, Napoli, Torino, Roma Tor Vergata e Trieste. Il contributo italiano è concentrato sullo sviluppo di diverse componenti elettroniche dello strumento e sullo sviluppo delle simulazioni e delle metodologie per l’analisi dei dati, nonché sull'analisi e interpretazione dei dati che saranno raccolti dallo strumento duranti i voli su pallone stratosferico.

‣ News

MERCOLEDÌ 19 GENNAIO 2022

Ricerca dell’acqua su Marte, un nuovo studio ‣

Intervista al team di scienziati italiani autori dell'articolo che valuta il ruolo dell'argilla e dei sali sull'origine dei riflessi luminosi basali di Marsis MORE...

MARTEDÌ 18 GENNAIO 2022

ExoMars si prepara al lancio ‣

Completati con successo i test sul terreno marziano simulato di Altec a Torino. Il rover gemello del Rosalind Franklin dedicato ad Amalia Ercoli Finzi MORE...

VENERDÌ 14 GENNAIO 2022

La missione PLATO ottiene il vai libera per la sua prossima fase ‣

La missione PLATO dell'ESA ha ricevuto il via libera a completare il processo di costruzione del satellite e del Payload, a cui l’Italia ha contribuito, sotto il coordinamento dell’ASI, finanziando le attività industriali per la realizzazione delle parti di responsabilità italiana per la missione e fornendo il supporto al team scientifico MORE...

MERCOLEDÌ 12 GENNAIO 2022

Il telescopio spaziale IXPE avvia le osservazioni scientifiche ‣

Il satellite, frutto di una collaborazione tra NASA e ASI, con il contributo di INAF e INFN, inaugura la propria missione scientifica osservando per 19 giorni il resto di supernova Cas A MORE...

LUNEDÌ 10 GENNAIO 2022

Quelle profonde similitudini tra vortici oceanici terrestri e cicloni atmosferici su Giove ‣

Analogie tra i cicloni gioviani e i moti oceanici della Terra: questi i risultati di un articolo pubblicato oggi su Nature Physics, ottenuti grazie alle immagini dello strumento italiano JIRAM a bordi della missione JUNO della NASA. Rappresentanti INAF e ASI nel team dello studio MORE...