ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Missioi e Progetti

ARIANE

Il lanciatore europeo

Il lanciatore ARIANE 5 è il sistema di trasporto che, assieme a Soyuz e Vega, attualmente garantisce l’accesso autonomo dell’Europa allo spazio. Le attività in corso sul progetto sono volte allo sviluppo e al mantenimento delle infrastrutture (lanciatore e base di lancio) che assicurano l’indipendenza strategica europea, operando in modo tale da:

  • accrescere la competitività e la flessibilità dei sistemi europei;
  • diminuire i costi dell’accesso allo spazio;
  • garantire la disponibilità e l’affidabilità del servizio di lancio;
  • mantenere un adeguato livello di capacità tecniche del sistema produttivo. 

In particolare, nel 2007 è stata completata la qualifica generica della versione ECA del lanciatore Ariane 5. Il recupero di affidabilità e confidenza dei clienti nelle performance del vettore, un trend di aumento generale dei costi dei servizi di lancio e una più favorevole situazione di mercato (dovuta anche a problemi tecnici incorsi sui principali lanciatori in competizione) hanno consentito all’operatore europeo di recuperare significative quote di mercato.


Nell’ambito del progetto ARIANE, l’ASI ha in carico il progetto ‘Sorveglianza ARIANE’ relativo alla fornitura delle attività di sorveglianza per la fase di produzione; il progetto  ha natura di obbligazione giuridica internazionale derivante dall’accordo intergovernativo “Declaration by Certain European Governments on the Ariane Launcher Production Phase” (Ariane Production Declaration) e del protocollo tra CNES e gli enti designati dagli Stati quali “Autorità Nazionali di Sorveglianza” (National Surveillance Authority – NSA). Attraverso questi accordi viene disciplinato il servizio di sorveglianza prestato a titolo gratuito dalle stesse NSA verso CNES, presso le industrie localizzate nel territorio di competenza della NSA. Per l’Italia, la sorveglianza è oggi espletata dall’ASI che riveste il ruolo di NSA, coordinando le attività di sorveglianza Ariane 5.


La attività di produzione di responsabilità italiana nel vettore Ariane 5 valutate il 9,1% del valore complessivo del vettore e riguardano essenzialmente:

  • i boosters a propellente solido da 240 tonnellate realizzati da Europropulsion (soc. partecipata al 50% da Avio e SPS) e
  • la turbopompa LOx del motore dello stadio principale Vulcain realizzata da Avio