Il Nodo-3, battezzato Tranquility, in onore del primo allunaggio, avvenuto nel luglio del 1969 sulla zona lunare nota come Mare della Tranquillità, è il terzo modulo di connessione della Stazione Spaziale Internazionale.

E’ stato portato nella spazio nel febbraio 2010 a bordo dello Shuttle Endeavour nell’ambito della missione STS-130.

Rispetto ai due nodi Unity e Harmony il Nodo-3 è dotto di alcune particolari facilities quali un tapìs-roulant e vogatore per gli allenamenti quotidiani, un avanzatissimo sistema di ricondizionamento dell’aria e un sistema per distillare l’urina e trasformarla in acqua potabile. Inoltre al Nodo-3 è stata agganciata una speciale finestra chiamata Cupola (v. scheda relativa) che dà astronauti una vista mozzafiato sullo spazio e sulla Terra oltre a permettere di manovrare con più accuratezza il braccio robotico.

Con il Nodo-3, l’Italia può vantare di aver realizzato il 50% dello spazio pressurizzato abitabile dell’intera Stazione Spaziale. Questa “stanza” in più ha permesso di aumentare il numero di ospiti a bordo, dai tre fino a sei o sette astronauti. Tranquility, insieme al predecessore, il Nodo 2 (la cui realizzazione è stata curata dall'ASI e che è stato portato in orbita da Paolo Nespoli nell'autunno del 2007), e alla Cupola, è l'ultimo elemento di scambio tra NASA e ESA: quest'ultima si era impegnata a fornire i tre componenti in cambio del trasporto, da parte degli americani, del laboratorio Columbus, agganciato alla Stazione ISS nel 2008.

Tranquility è dotato del più complesso sistema per la rivitalizzazione dell’aria mai realizzato: attraverso il processo di elettrolisi, il sistema ricicla l’acqua utilizzata dall’equipaggio e genera l’ossigeno necessario alla loro respirazione, mentre l’anidride carbonica sarà smaltita ed eliminata nello spazio. La tecnologia, oltre ad aprire la strada a future missioni di lungo periodo su Luna e Marte, si candida ad avere interessanti ricadute per il riciclo delle acque sulla Terra.

‣ News

VENERDÌ 06 20 DICEMBRE19

L’Europa dello spazio sia più forte ‣

«L'Europa ha già un ruolo fondamentale di indipendenza strategica nello spazio ma deve potenziarlo ancora di più». È la linea indicata dal Presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) Giorgio Saccoccia in occasione degli Stati Generali dello spazio in corso al Maschio Angioino di Napoli. MORE...

MERCOLEDÌ 06 20 NOVEMBRE19

Parmitano a colloquio con Mattarella ‣

L'astronauta Esa Luca Parmitano si è collegato dalla Stazione spaziale con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella MORE...

GIOVEDÌ 24 20 OTTOBRE19

Artemis: accordo NASA- ASI ‣

Firmato a Washington, al margine della 70° Conferenza Astronautica Internazionale (IAC), il Joint Statement for Cooperation in Space Exploration tra NASA ed ASI.

MORE...

VENERDÌ 27 20 SETTEMBRE19

Bioreactor Express Service, nuova opportunità tutta italiana per gli esprimenti sulla ISS ‣

Annunciata una partnership tra l’ESA e la Kayser Italia per avviare il servizio

MORE...