Course organized by the Italian Space Agency (ASI) in collaboration with Kenya Space Agency and with the support of United Nations Office for Outer Space Affairs (UNOOSA)

The course is hosted by the ASI Broglio Space Centre (BSC) - Malindi, Kenya, 9 -13 December 2019

DEADLINE EXTENSION: new deadline for Submission of Applications: 27 October 2019

All the infos available in the annoucement published below 


Since the beginning of the space era, international cooperation in the peaceful uses of outer space has provided impetus for the development of international mechanisms and infrastructures for space cooperation at international, regional, interregional and national levels. In addition, in 2015, after the adoption of the 2030 Agenda calling for action by all Countries to improve the lives of people everywhere,  governments, civil society and the United Nations started mobilizing efforts to achieve the Sustainable Development Goals (SDG’s) set by the Agenda itself.

The use of space technologies in the attainment of higher levels of social, economic and environmental development has gained increasing importance and today they are key to the achievement of the SDGs and 2030 Agenda. To this regard, the Broglio Space Center  (BSC) in Malindi, Kenya, represents one of the few facilities in the world that, thanks to its equatorial position and consolidated infrastructure with high-level technological capabilities and qualified human resources, can definitely contribute - with other international space institutions - to the goals of educating and training young African students to capacity building in Space Sciences and technologies as well as to the use of satellite data, in particular, of  Remote Sensing data. Being centered on the legacy and expertise developed by Italy and Kenya in more than 50 years of cooperation in space activities, the Broglio Space Centre can effectively contribute to the promotion and achievement  of the SDG’s. This is why Italy and Kenya are committed to building up an International Center for Space Education at the BSC in Malindi and provide an opportunity to further demonstrate the broad societal benefits of space as an area of inspiration, integration and innovation to address the long-term development concerns of society related to the 2030 Agenda for Sustainable Development.

This Training course is aimed at uncovering the potential of Earth observation, remote sensing, space sciences as tools for providing fundamental applications and services and space policy.

‣ News

MARTEDÌ 09 AGOSTO 2022

Countdown per Artemis I, il sistema Italia a bordo della missione lunare NASA ‣

Venti giorni al lancio della prima missione del programma lunare della NASA Artemis.
MORE...

MARTEDÌ 09 AGOSTO 2022

Addio a Stefano Debei ‣

La comunità ASI esprime il proprio cordoglio per la perdita dello scienziato e dell’amico e formula le più sentite condoglianze alla famiglia e all’ateneo padovano. MORE...

LUNEDÌ 08 AGOSTO 2022

ALCOR, finanziate altre nove missioni ‣

Un’estate ricca di traguardi per il programma ALCOR, alla recente notizia del positivo superamento della System Requirement Review della missione BISS, prima classificata al bando Future missioni Cubesat, si aggiungono infatti quelle dell’approvazione, da parte dell’Agenzia, dello scorrimento della graduatoria del bando, che consentirà di finanziare tutte le ultime nove missione risultate idonee, e della stipula di altri tre contratti per lo studio di fattibilità e la progettazione preliminare di missioni nano-satellitari. EarthNext, CUSP e PiCo-IoT, questi i nomi delle tre nuove missioni che vanno ad aggiungersi alle due, BISS e SATURN, già in corso di sviluppo in ambito nazionale e alle altre due, VULCAIN e HENON, finanziate dall’Agenzia nell’ambito del programma ESA GSTP-Fly EarthNext - closer to the Earth, next to the future - è una missione dimostrativa per l’osservazione della Terra basata su un payload ottico compatto multispettrale che vede Officina Stellare come prime contractor affiancato da una filiera totalmente italiana costituita da Università di Napoli “Federico II”, T4i, AIKO, TSD Space e Planetek Italia. La missione verrà realizzata con un singolo CubeSat 16U e sarà in grado di operare, grazie a un sistema di propulsione elettrica, in Very Low Earth Orbit (VLEO). Un ambito applicativo, quello delle riprese della Terra in orbita molto bassa, di grandissimo interesse industriale e commerciale. Punta invece a migliorare la conoscenza dei fenomeni fisici responsabili dell’accelerazione delle particelle provenienti dal Sole la missione CUSP - CUbesat Solar Polarimeter - realizzata da INAF-IAPS in collaborazione con IMT, Università di Bologna CIRI-Aero, Università della Tuscia e SCAI Connect. Due CubeSat 6U dispiegati sulla stessa orbita eliosincrona e opportunamente distanziati avranno infatti il compito di misurare la polarizzazione lineare dei raggi X duri emessi dai brillamenti solari, anche in vista di un utilizzo di queste informazioni nelle reti di forecast di space weather. Dimensioni piccolissime per i tre satelliti della costellazione PiCo-IoT - Picosatellite Constellation for Internet of Things Data Retrieval - per i quali è previsto un fattore di forma pari a un terzo di un’unità standard CubeSat. I tre pico-satelliti verranno realizzati da un raggruppamento temporaneo di imprese costituito da Apogeo Space, nel ruolo di capofila, Aviosonic, NPC Spacemind e Cover Sistemi. L'obiettivo della missione sarà la dimostrazione di un concetto di costellazione per il recupero di pacchetti compatti di dati IoT trasmessi attraverso una rete distribuita di stazioni terrestri. La costellazione è concepita in modo da essere dispiegata in maniera rapida, efficace, ma al tempo stesso aderente alle normative sulla non proliferazione dei detriti spaziali. La flotta di ALCOR prende forma proiettando il nostro paese verso una posizione di consolidata leadership nel settore dei nanosatelliti.

GIOVEDÌ 04 AGOSTO 2022

Qualificato il propulsore PERSEUS ‣

Campagna di test di successo per il sistema propulsivo

MORE...

MARTEDÌ 02 AGOSTO 2022

ESA BIC Turin: aperta la seconda selezione di startup del settore spaziale ‣

Dopo il successo della prima call per il programma di incubazione, l’ESA Business Incubation Centre Turin ha lanciato la sua seconda selezione di nuove promesse della Space Economy, che terminerà il 9 settembre 2022 MORE...