Al Salone dell'aerospazio di Parigi il Presidente ASI Saccocia con Macron e Conte che ha sottolienato come l'aerospazio sia un comparto in continua espansione

Giornata da Premier l’odierna giornata al Paris Air Show di Le Bourget. Non stiamo parlando di calcio e premier league, ma di primi ministri con il francese Emmanuel Macron e l’italiano Giuseppe Conte.

Il primo ha inaugurato la 53° edizione di questa manifestazione, nata oltre un secolo fa, la manifestazione si svolge infatti ogni due anni, chiedendo a tutte le agenzie europee presenti di firmare un memorandum per l’uso dei satelliti nello studio del clima, un tema che venne fuori prepotentemente proprio a Parigi durante il vertice mondiale sul clima Cop21 (nella foto in basso a sinistra il Presidente dell’ASI Saccoccia mentre firma l’accordo).
Il Presidente Conte ha iniziato il suo tour nel mondo dell’aerospazio presso l’area di Leonardo, accompagnato dal Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana e dal Coordinatore del Comitato Interministeriale per lo spazio, Ammiraglio Carlo Massagli, dove hanno potuto assistere alla presentazione di un nuovo innovativo drone, FalcoXplorer.

Questo nuovo drone, l'Xplorer, velivolo non armato, verrà utilizzato prevalentemente per la sorveglianza del territorio, come il suo predecessore Falco Evo che ha già svolto in tal senso missioni operative per Frontex e in Congo per le Nazioni Unite.

A seguire la visita dello stand dell’Agenzia Spaziale Italiana, preceduta da una breve tappa al padiglione dell’ESA. Ad attendere il premier Conte l’amministratore della NASA Jim Bridenstine e i Ceo delle principali aziende del settore. Il primo ministro ha avuto modo di ascoltare lo stato dell’arte dello spazio italiano espostogli dal presidente Giorgio Saccoccia, oltre che visitare la parte espositiva dello stand.

La visita si è conclusa con una visita agli stand delle aziende italiane del settore presenti al salone di Le Bourget come anche le Regioni Italiane e i loro distretti.

Nel lasciare il Salone dell’Aerospazio il Capo del Governo italiano ha spontaneamente sottolineato il valore tecnologico, scientifico e economico del settore, ribadendo il ruolo che il nostro paese svolge a livello mondiale: «Quello dell'aerospazio è un comparto in continua espansione. Peraltro, ogni euro investito ci dà un ritorno notevole, un numero di occupati sempre in crescita, l'export sempre in crescita, veramente guardiamo con grande attenzione a questo comparto ed è la ragione della mia presenza qui».

 

‣ News

LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2020

MARSIS, CONFERMATA ACQUA SALATA AL POLO SUD DI MARTE ‣

Radar Marsis: nuova scoperta di un complesso sistema di laghi d'acqua salata sotto la calotta marziana del polo sud MORE...

MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2020

Fraccaro, Saccoccia e Profumo salutano ExoMars ai laboratori di Thales Alenia Space a Torino ‣

Ultimo sguardo da vicino ai componenti della missione europea a guida italiana che nel 2022 partirà alla volta di Marte in cerca di tracce di vita sotto la superficie del pianeta MORE...

MARTEDÌ 15 SETTEMBRE 2020

E’ morto Nichi D’amico, presidente dell’Inaf ‣

Ne ha annunciato la prematura scomparsa l'Istituto Nazionale di Astrofisica. Il cordoglio del presidente dell'ASI MORE...

LUNEDÌ 07 SETTEMBRE 2020

Il sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, in visita in ASI ‣

Visita del Sottosegretario di Stato Ministero della Difesa, on Angelo Tofalo in Agenzia Spaziale Italiana. Un incontro istituzionale importante che mette in luce un universo di interessi comuni e di ampia collaborazione tra i due enti. MORE...

LUNEDÌ 31 AGOSTO 2020

Un nuovo strumento per l’osservazione del cosmo grazie alla dorsale quantistica italiana ‣

La dorsale quantistica italiana in fibra ottica dell’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRIM) è stata protagonista di un esperimento innovativo in collaborazione con l'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), l'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). MORE...