Studio e monitoraggio della Terra a vari livelli

ENVISAT (ENVironmental SATellite) è stata una missione di Osservazione della Terra dell’ESA attiva per 10 anni. Il satellite, erede dei due ERS, è stato lanciato il 1° marzo 2002 dallo spazio porto di Kourou in Guyana francese, a bordo di un vettore Ariane 5, ed è rimasto attivo fino all’8 aprile 2012, giorno in cui le comunicazioni con le stazioni di terra si sono interrotte; il 9 maggio 2012 l’ESA, dopo numerosi tentativi di riprendere i contatti e individuare le cause del silenzio, ha dichiarato che la missione era ufficialmente conclusa.

Collocato in un’orbita polare eliosincrona, a circa 790 chilometri dalla Terra, ENVISAT era stato progettato per studiare e monitorare l’ambiente della Terra a vari livelli: locale, regionale e globale. Nello specifico, gli obiettivi del satellite sono stati: monitoraggio delle risorse della Terra (rinnovabili e non), studio della struttura e delle dinamiche della crosta e dell’interno del nostro pianeta e supporto a servizi meteorologici già attivi. Gli ambiti in cui i dati raccolti dal satellite hanno fornito un notevole contributo sono: climatologia, meteorologia, chimica dell’atmosfera, idrologia, tutela dell’ambiente, del terreno e della copertura vegetale.

ENVISAT aveva a bordo una suite di 9 strumenti, alcuni dei quali erano versioni avanzate di quelli in dotazione a ERS-1 ed ERS-2, come il radiometro avanzato AATSR (Advanced Along Track Scanning Radiometer) e il radar avanzato ad apertura sintetica (ASAR).

Come avvenuto per ERS-1 ed ERS-2, l’ASI è stata coinvolta anche in questa missione per il trattamento dei dati acquisiti da ENVISAT presso le strutture I-PAF e I-PAC, situate nel proprio Centro di Geodesia Spaziale a Matera.

‣ News

SABATO 06 LUGLIO 2019

Un esperimento stratosferico ‣

L’Agenzia Spaziale Italiana e la società MBI oggi a Lajatico (Pi) hanno sperimentato per la prima volta in Italia l’utilizzo di un payload SAT AIS imbarcato su pallone stratosferico MORE...

MARTEDÌ 25 GIUGNO 2019

Prisma fa luce sullo stato di salute della Terra ‣

Presentate al pubblico le prime immagini provenienti dal satellite dell’Agenzia Spaziale Italiana. Catturate dal sensore iperspettrale, sono state ricevute a Matera ed elaborate da un team di ingegneri e scienziati. MORE...

VENERDÌ 22 MARZO 2019

PRISMA è in orbita ‣

Il satellite dell'Agenzia Spaziale Italiana lanciato dalla base europea di Korou a bordo di un lanciatore Vega MORE...

VENERDÌ 28 DICEMBRE 2018

Etna sorvegliato speciale ‣

Su richiesta del Dipartimento di Protezione Civile i satelliti della Costellazione Cosmo SkyMed hanno iniziato ad acquisire immagini dell'area dell'eruzione MORE...