L’esplorazione e l’utilizzazione dello spazio, confinate al nostro sistema solare, richiedono l'immissione in orbita di satelliti, di stazioni spaziali, di sonde interplanetarie e di razzi. Tutto ciò ha però provocato e continua a provocare un impatto ambientale nello spazio circumterrestre

Il problema maggiore è costituito dal fatto che nello spazio è molto difficile e costoso, con l'attuale tecnologia, ripristinare condizioni dell’ambiente spaziale circumterrestre vicine a quelle originarie.

L’ASI ha il compito di registrare e monitorare il comportamento degli oggetti italiani lanciati e residenti nello spazio.

Il registro aggiornato è consultabile qui.

 

Informazioni concernenti il registro italiano degli oggetti lanciati nello spazio
Prima dell’avvio dell’era spaziale (1957) l’unica forma di popolamento dello spazio era costituita dal naturale flusso di micro meteoriti provenienti dallo spazio profondo.

‣ News

MARTEDÌ 26 OTTOBRE 2021

Italia e Lussemburgo unite nella cooperazione spaziale ‣

L’Agenzia spaziale italiana (ASI) e l’Agenzia Spaziale del Lussemburgo (LSA) hanno firmato oggi un Memorandum of Understanding che servirà a rafforzare in modo significativo la cooperazione tra il Granducato del Lussemburgo e l’Italia nel campo dello spazio MORE...

VENERDÌ 22 OTTOBRE 2021

Aspettando lo IAC 2021 a Dubai ‣

Dal 25 al 29 ottobre Dubai ospiterà la 72esima edizione dell’International Astronautical Congress MORE...

GIOVEDÌ 21 OTTOBRE 2021

Simonetta Cheli nuova Direttrice dei Programmi di Osservazione della Terra dell’ESRIN di ESA ‣

La nomina di Cheli alla Direzione dell'ESRIN di ESA è giunta oggi in occasione del 300° Consiglio dell’Agenzia europea MORE...

MERCOLEDÌ 20 OTTOBRE 2021

Galileo e Copernicus Masters: grande successo per la competizione italiana ‣

L'iniziativa ha avuto un ampio seguito. Il prossimo 14 dicembre il gran finale MORE...

MARTEDÌ 19 OTTOBRE 2021

Corte dei Conti, ASI migliora la gestione finanziaria ‣

La Relazione al Parlamento sulla gestione finanziaria dell'ASI è stata approvata dalla Sezione del controllo sugli enti della Corte dei conti MORE...