Il progetto dell’ASI per diffondere la cultura della salute e della sicurezza nel mondo della scuola

  1. Introduzione

“Perché ogni giorno in Italia muoiono tre persone sul posto di lavoro? Perché in Italia nove persone al giorno perdono la vita in un incidente stradale?”

I dati diffusi dall’Inail e da altri enti di statistica parlano chiaro: leggi, norme, sanzioni, procedure da sole non bastano; la cronaca di ogni singolo incidente ci fa capire come spesso questi eventi sono frutto di comportamenti errati dettati da fretta, disattenzione, superficialità, sopravvalutazione delle proprie capacità e mancata percezione del rischio.

Abitudini e comportamenti errati sono oramai radicati nelle persone e sono parte integrante della nostra cultura, intesa come il “modo di fare qui le cose”.

L’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) aderisce al movimento ITALIA LOVES SICUREZZA ed è impegnata da anni in varie attività legate alla sensibilizzazione del grande pubblico alle tematiche di salute e sicurezza. L’ASI si adopera, in particolare, per coinvolgere i giovani in un processo di cambiamento culturale, comunicando i valori di salute e sicurezza attraverso mezzi non convenzionali come la letteratura, il cinema, il teatro e la musica. L’obiettivo di queste iniziative è migliorare la conoscenza dei giovani sulle tematiche di salute e sicurezza, offrendo un sostegno per la diffusione di questi temi nel mondo della scuola dove oggi sono poco presenti.

  1. Tema e obiettivi della Call

L’Agenzia Spaziale Italiana, per l’anno scolastico 2019-2020, propone agli studenti delle classi II, III e IV delle scuole secondarie di secondo grado un percorso educativo sui temi della salute e sicurezza.

Il progetto fa seguito agli eventi organizzati negli ultimi anni dall'ASI in occasione della Giornata Mondiale della Sicurezza (28 aprile) e si pone l’obiettivo di coinvolgere gli studenti in un percorso formativo in grado di attrarre la loro attenzione su queste tematiche così importanti per la loro “cultura”, coinvolgendoli nel processo di ideazione e produzione di prodotti di comunicazione non convenzionali capaci di attivare un cambiamento culturale nel campo della salute e sicurezza.

Il percorso educativo è articolato in tre fasi.

La prima fase (dicembre 2019-febbraio 2020) consiste in due/tre incontri frontali che saranno tenuti da personale esperto presso la sede ASI di Roma: nel corso degli incontri agli studenti saranno offerti approfondimenti sui principali temi legati alla salute e alla sicurezza e, in particolare, su:

  • Salute e sicurezza sul lavoro: obblighi di legge o valori da condividere;
  • Sicurezza alimentare;
  • Nuove dipendenze: il web, i social.

La seconda fase (febbraio-marzo 2020) consisterà nello svolgimento da parte degli studenti, supportati dai propri insegnanti, di un lavoro di natura pratica riguardante una delle tre tematiche specifiche oggetto del progetto educativo affrontate nel corso della prima fase. Tale lavoro consisterà nella realizzazione di un prodotto di comunicazione innovativo (es. video, e-book, racconti, canzoni, etc.) basato sull'utilizzo di linguaggi comunicativi non convenzionali capaci di ispirare l’adozione di comportamenti più sani e più sicuri.

I prodotti di comunicazione dovranno essere inviati all'ASI che esaminerà le proposte e selezionerà 5 progetti che saranno presentati in occasione dell’evento UNO SPAZIO TRA SALUTE E SICUREZZA 2020.

La terza fase (maggio 2020) consisterà nella partecipazione all'evento UNO SPAZIO TRA SALUTE E SICUREZZA 2020, che si svolgerà a maggio 2020 presso la sede ASI di Roma, nel corso del quale saranno presentati i cinque migliori progetti selezionati da ASI. Nel corso di questa giornata conclusiva tutti i partecipanti al progetto educativo riceveranno il diploma di SAFETY LEADER e prodotti educativi dell’ASI.

  1. Modalità di partecipazione

La partecipazione al progetto educativo “Uno spazio tra Salute e Sicurezza 2019-2020” è riservata a un numero massimo di 350 studenti delle classi II, III e IV delle scuole secondarie di secondo grado.

Per partecipare le scuole interessate dovranno inviare un’e-mail a education@asi.it specificando:

  • nome e tipo di istituto scolastico;
  • numero studenti partecipanti e classe frequentata;
  • numero docenti partecipanti e i riferimenti e i contatti (cellulare ed e-mail) di un docente di riferimento.

Una volta ricevuta comunicazione di accettazione da parte di ASI, le scuole dovranno inviare un elenco con i riferimenti di tutti i partecipanti e una liberatoria per la realizzazione e la pubblicazione di immagini realizzate nel corso del progetto educativo.

La partecipazione è gratuita.

Nel caso in cui il numero delle richieste dovesse superare la ricettività indicata, l’ASI selezionerà le scuole partecipanti sulla base dell’ordine cronologico di presentazione della richiesta di partecipazione da parte degli istituti scolastici.

 Diffondete la notizia, una nuova avventura sta per cominciare!

‣ News

VENERDÌ 25 SETTEMBRE 2020

Firmata Dichiarazione d’Intenti tra Governo Italiano e Governo degli Stati Uniti sul programma lunare Artemis ‣

L’intesa è stata sottoscritta dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo spazio Riccardo Fraccaro e dall’Amministratore di NASA Jim Bridenstine, in rappresentanza del governo USA MORE...

GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE 2020

e-GEOS presenta il marketplace digitale Cleos ‣

La piattaforma mette al centro il cliente per rivoluzionare il tradizionale approccio alla geoinformazione MORE...

MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2020

Fraccaro, Saccoccia e Profumo salutano ExoMars ai laboratori di Thales Alenia Space a Torino ‣

Ultimo sguardo da vicino ai componenti della missione europea a guida italiana che nel 2022 partirà alla volta di Marte in cerca di tracce di vita sotto la superficie del pianeta MORE...

MARTEDÌ 15 SETTEMBRE 2020

E’ morto Nichi D’amico, presidente dell’Inaf ‣

Ne ha annunciato la prematura scomparsa l'Istituto Nazionale di Astrofisica. Il cordoglio del presidente dell'ASI MORE...

MARTEDÌ 15 SETTEMBRE 2020

L’INDUSTRIA ITALIANA IN PRIMA LINEA NELLA MISSIONE HERA DELL’ESA   ‣

Al via i preparativi della missione europea per la difesa planetaria, in cui l’industria italiana, con il supporto dell’Agenzia Spaziale italiana, vanta un’importante partecipazione. L’ASI in collaborazione con la comunità scientifica ha deciso di dedicare uno dei due CubeSat al professor Andrea Milani    MORE...