Programma educativo sulla robotica spaziale e intelligenza artificiale

L’Agenzia Spaziale Italiana e Sapienza Università di Roma, Dipartimento di Informatica, Automatica e Gestionale Antonio Ruberti (DIAG) stanno lavorando a un nuovo programma educativo sul tema della robotica spaziale e dell'intelligenza artificiale, denominato ROSITA (ROver Spaziale ITAliano).

Lo scopo del progetto è di realizzare un rover, ROSITA, con finalità educative per promuovere, sviluppare, diffondere la ricerca scientifica nel campo spaziale e aerospaziale, ispirando le nuove generazioni e indirizzando il loro interesse verso lo studio di materie scientifiche (STEM). Il progetto ha durata triennale e coprirà gli anni scolastici 2021/22, 2022/23 e 2023/24.

I partecipanti, in team di 4/5 studenti, saranno chiamati a sviluppare un progetto hardware e software con la possibilità di costruire e programmare il rover e pilotarlo da remoto attraverso una interfaccia differenziata per fasce di età. I team potranno quindi simulare il controllo di una missione di esplorazione planetaria remota con il robot da loro costruito e programmato.

Gli studenti impareranno alcuni concetti fondamentali delle tecnologie aerospaziali e in particolare dell'esplorazione planetaria, della robotica, dell’intelligenza artificiale e svolgeranno attività pratiche di costruzione e programmazione di robot. Inoltre, saranno esposti a competenze trasversali quali il lavoro in gruppo, la competizione tra team, il rispetto di regole e scadenze.

Nell’ambito del progetto, si realizzerà il rover ROSITA, performante e complesso da un punto di vista ingegneristico e allo stesso tempo flessibile e funzionale da un punto di vista didattico; sarà, inoltre, specifico per il settore spaziale, con device e funzionalità dedicate alla sfida su Marte.

Un importante risultato atteso del progetto è quello di orientare studenti e studentesse verso studi e carriere negli ambiti STEM, stimolando anche un equilibrio di genere in questi settori. Un apposito metodo di valutazione, basato su questionari attitudinali, sarà impiegato per valutare e migliorare negli anni le prestazioni del progetto educativo.

Le attività didattiche si svolgeranno in relazione all'anno scolastico con la seguente tempistica:

- giugno/ottobre - apertura iscrizioni

- novembre/dicembre/gennaio - attività didattiche estese (anche in ambito PCTO)

- febbraio/marzo - competizioni robotiche regionali

- aprile/maggio - competizione nazionale e premiazioni

- aprile/maggio - attività didattica breve / hackathon

- maggio - raccolta valutazioni

- giugno/luglio - analisi delle valutazione e progettazione per gli anni successivi

Potranno partecipare al progetto e alle competizioni studenti delle scuole primarie e secondarie.

Nello specifico, il 1° aprile 2022 sono state avviate le competizioni con un evento presso la sede ASI, mentre la seconda fase di gara è in programma il 7 aprile 2022 durante l'evento GardAI.

‣ News

MARTEDÌ 09 AGOSTO 2022

Countdown per Artemis I, il sistema Italia a bordo della missione lunare NASA ‣

Venti giorni al lancio della prima missione del programma lunare della NASA Artemis.
MORE...

SABATO 13 AGOSTO 2022

Addio a Piero Angela ‣

Si è spento all’età di 93 anni Piero Angela MORE...

MARTEDÌ 09 AGOSTO 2022

Addio a Stefano Debei ‣

La comunità ASI esprime il proprio cordoglio per la perdita dello scienziato e dell’amico e formula le più sentite condoglianze alla famiglia e all’ateneo padovano. MORE...

LUNEDÌ 08 AGOSTO 2022

ALCOR, finanziate altre nove missioni ‣

Un’estate ricca di traguardi per il programma ALCOR, alla recente notizia del positivo superamento della System Requirement Review della missione BISS, prima classificata al bando Future missioni Cubesat, si aggiungono infatti quelle dell’approvazione, da parte dell’Agenzia, dello scorrimento della graduatoria del bando, che consentirà di finanziare tutte le ultime nove missione risultate idonee, e della stipula di altri tre contratti per lo studio di fattibilità e la progettazione preliminare di missioni nano-satellitari. EarthNext, CUSP e PiCo-IoT, questi i nomi delle tre nuove missioni che vanno ad aggiungersi alle due, BISS e SATURN, già in corso di sviluppo in ambito nazionale e alle altre due, VULCAIN e HENON, finanziate dall’Agenzia nell’ambito del programma ESA GSTP-Fly EarthNext - closer to the Earth, next to the future - è una missione dimostrativa per l’osservazione della Terra basata su un payload ottico compatto multispettrale che vede Officina Stellare come prime contractor affiancato da una filiera totalmente italiana costituita da Università di Napoli “Federico II”, T4i, AIKO, TSD Space e Planetek Italia. La missione verrà realizzata con un singolo CubeSat 16U e sarà in grado di operare, grazie a un sistema di propulsione elettrica, in Very Low Earth Orbit (VLEO). Un ambito applicativo, quello delle riprese della Terra in orbita molto bassa, di grandissimo interesse industriale e commerciale. Punta invece a migliorare la conoscenza dei fenomeni fisici responsabili dell’accelerazione delle particelle provenienti dal Sole la missione CUSP - CUbesat Solar Polarimeter - realizzata da INAF-IAPS in collaborazione con IMT, Università di Bologna CIRI-Aero, Università della Tuscia e SCAI Connect. Due CubeSat 6U dispiegati sulla stessa orbita eliosincrona e opportunamente distanziati avranno infatti il compito di misurare la polarizzazione lineare dei raggi X duri emessi dai brillamenti solari, anche in vista di un utilizzo di queste informazioni nelle reti di forecast di space weather. Dimensioni piccolissime per i tre satelliti della costellazione PiCo-IoT - Picosatellite Constellation for Internet of Things Data Retrieval - per i quali è previsto un fattore di forma pari a un terzo di un’unità standard CubeSat. I tre pico-satelliti verranno realizzati da un raggruppamento temporaneo di imprese costituito da Apogeo Space, nel ruolo di capofila, Aviosonic, NPC Spacemind e Cover Sistemi. L'obiettivo della missione sarà la dimostrazione di un concetto di costellazione per il recupero di pacchetti compatti di dati IoT trasmessi attraverso una rete distribuita di stazioni terrestri. La costellazione è concepita in modo da essere dispiegata in maniera rapida, efficace, ma al tempo stesso aderente alle normative sulla non proliferazione dei detriti spaziali. La flotta di ALCOR prende forma proiettando il nostro paese verso una posizione di consolidata leadership nel settore dei nanosatelliti.

GIOVEDÌ 04 AGOSTO 2022

Qualificato il propulsore PERSEUS ‣

Campagna di test di successo per il sistema propulsivo

MORE...