Call dedicata alle scuole secondarie di secondo grado. Scadenza: 20 maggio 2024

12 Marzo 2024

Dal 14 al 18 ottobre 2024 l’Italia ospiterà l’International Astronautical Congress (IAC2024), la più importante manifestazione mondiale nel settore dello Spazio, organizzata dalla Federazione Internazionale di Astronautica (IAF), che comprende ad oggi 73 Paesi membri, rappresentati da tutte le principali agenzie spaziali, aziende, centri di ricerca, università, società, associazioni e musei.

L’Associazione Italiana di Aeronautica e Astronautica (AIDAA), l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e Leonardo (la maggiore Azienda italiana del settore), in rappresentanza rispettivamente del mondo accademico, delle istituzioni e dell’industria, sono gli organizzatori nazionali di questa edizione del Congresso, il cui motto è “Responsible Space for Sustainability”. L’obiettivo è quello di sensibilizzare la comunità internazionale su un uso più consapevole e responsabile dell’ambiente e delle tecnologie spaziali, tra i migliori alleati della sostenibilità: lo spazio come ambiente sicuro, aperto all'esplorazione, all'uso pacifico e alla cooperazione internazionale da parte delle generazioni attuali e future, nell'interesse del pianeta, senza discriminazione alcuna, secondo i principi dell’equità e dell’inclusione.

L’edizione del 2024 di IAC sarà inoltre il luogo dei giovani e delle opportunità per il loro futuro. Lo spazio è, da sempre, il luogo in cui l’incontro di diversi Paesi, generazioni, generi e competenze si dimostrano cruciali per lo sviluppo, l'evoluzione, l'innovazione e la conoscenza dell'umanità.

Con la presenza dei maggiori esperti e player internazionali della comunità spaziale in un evento sostenibile e totalmente inclusivo, nel rispetto della parità di genere e della diversità di background socio-culturale, religioso, etnico, generazionale, IAC 2024 può rappresentare un’occasione unica anche per il mondo della scuola!

Per questo motivo ASI, in collaborazione con AIDAA e Leonardo propongono alle classi terze e quarte delle scuole secondarie di secondo grado italiane in Italia e all’estero di riflettere sul tema della sostenibilità e di approfondirne i contenuti, elaborando una proposta progettuale che risponda a una delle seguenti domande:

  • Come utilizzare le tecnologie spaziali per rendere il nostro Pianeta più sostenibile?
  • Come rendere lo Spazio e l’esplorazione spaziale più sostenibili?
  • Come può l’Italia rappresentare il motore della sostenibilità spaziale?

Ogni classe o gruppo di studenti, coordinato da almeno un docente, che parteciperà alla presente Call for Ideas dovrà elaborare e sottoporre all’Agenzia Spaziale Italiana un progetto che proponga delle risposte/soluzioni alle domande sopra indicate, sviluppando un’idea innovativa nel campo della sostenibilità spaziale. L’idea può riguardare un’innovazione nei seguenti ambiti:

  • Tecnologico
  • Scientifico
  • Socio-economico

L’obiettivo delle proposte è utilizzare la scienza e la tecnologia spaziale per rendere la Terra più sostenibile, individuare soluzioni per rendere l’ambiente spaziale più sostenibile, utilizzare i dati e i servizi offerti da satelliti o missioni spaziali per migliorare lo stato di uno o più Sustainable Development Goals dell’Agenza ONU2030.

Scadenza: 20 maggio 2024

Tutte le informazioni per partecipare sono disponibili al link

‣ News

GIOVEDÌ 18 APRILE 2024

Aerospace Job Talks ‣

Il 22 aprile in ASI l’evento nazionale del progetto di orientamento nato dalla collaborazione tra Adecco e ASI - Presente l'astronauta dell’Aeronautica Militare Walter Villadei MORE...

VENERDÌ 12 APRILE 2024

Spazio e Sostenibilità: un incontro possibile ‣

Il 19 aprile dalle ore 16:30 MORE...

LUNEDÌ 25 MARZO 2024

Uno spazio di classe ‣

Il progetto educativo dell'ASI ha l’obiettivo di organizzare lezioni, conferenze, incontri, webinar per studenti e insegnanti alla scoperta del settore spaziale MORE...

MERCOLEDÌ 07 FEBBRAIO 2024

ROSITA (ROver Spaziale ITAliano): al via le gare per il 2024 ‣

Il progetto è nato dalla collaborazione tra l'ASI e il Dipartimento DIAG della Sapienza Università di Roma MORE...