Linea Tematica Esplorazione di Marte

Responsabilità Missione ESA

Data Lancio 2003

Fine Missione Originariamente 2012 - attualmente in corso

 

Descrizione

Mars Express è una 'Flexible Mission' del programma scientifico New Horizon dell'ESA. E’ stata lanciata il 2 giugno 2003 con un lanciatore Soyuz/Fregat ed ha impiegato circa sei mesi a raggiungere Marte. Il momento dell’inserzione in orbita marziana  è avvenuto il 25 dicembre 2003, successivamente è stato previsto un periodo di ulteriori 5  mesi per le attività di commissioning prima della fase operativa concluso come pianificato a parte  per lo strumento MARSIS per problemi legati alla sicurezza dl satellite nella manovra di apertura dell’antenna, che sono stati risolti solo dal 5 luglio 2005, con l’inizio delle operazioni anche di questo strumento.

Obiettivi Scientifici

Per dimensioni, livello di attività interna, età delle strutture superficiali, densità atmosferica, Marte è un corpo che occupa una posizione intermedia tra i due grandi pianeti  terrestri ( Venere e Terra) ed i piccoli corpi come Mercurio, la Luna, e gli asteroidi. L’esplorazione di Marte è quindi fondamentale anche per la miglior comprensione della Terra nell’ambito della planetologia comparata. Gli obiettivi della missione sono la caratterizzazione mineralogica a media scala della superficie, lo studio dell’atmosfera e della circolazione atmosferica, lo studio dell’interazione tra l’atmosfera ed il vento solare e la misura del rate di ablazione, la mappatura fotografica ad alta risoluzione anche in stereo della superficie e lo studio delle strutture subsuperficiali per la ricerca di acqua o ghiaccio.

Contributo Italiano

Tra gli strumenti imbarcati sulla sonda l’ASI ha fornito due strumenti a PI nazionale:  lo spettrometro di Fourier PFS per lo studio dell’atmosfera e il radar subsuperficiale MARSIS (Mars Advanced Radar for Subsurface and Ionosphere Sounding), realizzato con il contributo della NASA/JPL. Inoltre fanno parte del contributo italiano la parte visibile, VNIR, dello spettrometro OMEGA (con PI francese) e l’elettronica dello strumento di imaging di atomi neutri energetici ASPERA. E’ italiano anche uno degli scienziati interdisciplinari, IDS, e ci sono scienziati italiani anche nel team della camera stereo ad alta risoluzione HRSC.).

Accordi Internazionali

Per Marsis e PFS è in atto una MoU con la NASA.

‣ News

MARTEDÌ 31 GENNAIO 2023

“LICIACube, fotografa di asteroidi”, premiate le scuole vincitrici del concorso ‣

Oltre cento le proposte provenienti dai ragazzi delle scuole primarie MORE...

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2023

Il Sesto Convegno nazionale della Collaborazione Euclid Italia 2023 ‣

In programma presso la sede dell'Agenzia Spaziale Italiana dal 19 al 20 Gennaio 2023 MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

La scienza di LICIACube in primo piano ‣

Il team di ricercatori della missione LICIACube protagonista al convegno dell’American Geophysical Union MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

ASI e INAF in prima linea contro il rischi di impattori imminenti ‣

Esperimento di "risposta rapida" effettuato nell'ambito del progetto NEOROCKS MORE...