Linea Tematica: Esplorazione di Giove e delle sue lune ghiacciate

Responsabilità Missione: ESA

Data Lancio: 2022

 

Descrizione

JUICE (Jupiter Icy Moon Explorer) è una missione dell’Agenzia Spaziale Europea selezionata dallo Space Programme Committee dell’ESA e la prima missione su vasta scala nell’ambito del programma di esplorazione planetaria Cosmic Vision 2015-2025, il cui lancio è previsto per il 2022.

Giove e le sue lune ghiacciate - Ganimede, Europa e Callisto - saranno il fulcro dell’indagine di JUICE che cercherà inoltre di studiare quali sono le condizioni per la formazione dei pianeti e la comparsa della vita e come funziona il sistema solare.

Obiettivi scientifici

Dopo lancio nel 2022 da Kourou JUICE raggiungerà Giove nel 2030, svolgendo la sua missione di studio per tre anni nell’ambiente giovano quello– molto somigliante ad un Sistema Solare in miniatura.

Lassù dovrà portare a termine una complessa serie di compiti: dall’osservazione dell’atmosfera e della magnetosfera di Giove, a quella dell’interazione delle lune galileiane con il pianeta.

Ma dovrà anche visitare Callisto (il corpo celeste maggiormente ricoperto di crateri nel Sistema Solare), misurare lo spessore della calotta ghiacciata di Europa, identificare siti appropriati per una possibile esplorazione in situ e studiare la superficie ghiacciata e la struttura interna di Ganimede, l’unica luna dotata di un proprio campo magnetico.

Contributo italiano

La scelta di JUICE è il coronamento di un processo iniziato nel 2004, anno in cui l’ESA ha avviato un’ampia consultazione della comunità scientifica per identificare i traguardi dell’esplorazione planetaria europea nel decennio successivo. Ampio il coinvolgimento italiano, e in particolare dell’ASI, in questa missione dove troveranno spazio proposte di altissimo livello tecnologico derivanti dall’intensa attività scientifica sinora svolta. L’Agenzia Spaziale Italiana sarà affiancata dalla comunità scientifica nazionale, da altri enti di ricerca e dal mondo accademico.

 

‣ News

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2023

Il Sesto Convegno nazionale della Collaborazione Euclid Italia 2023 ‣

In programma presso la sede dell'Agenzia Spaziale Italiana dal 19 al 20 Gennaio 2023 MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

La scienza di LICIACube in primo piano ‣

Il team di ricercatori della missione LICIACube protagonista al convegno dell’American Geophysical Union MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

ASI e INAF in prima linea contro il rischi di impattori imminenti ‣

Esperimento di "risposta rapida" effettuato nell'ambito del progetto NEOROCKS MORE...

GIOVEDÌ 22 DICEMBRE 2022

Vela, una pulsar al limite (della polarizzazione) ‣

La missione IXPE, frutto di una collaborazione tra NASA e ASI, ha osservato una particolare pulsar nella costellazione della Vela. Studio su Nature MORE...