L’additive manufacturing, nota anche come stampa 3-D, è una metodica rapida ed affidabile per produrre piccoli pezzi di plastica di qualunque forma, che possono essere utilizzati per numerose di attività. L’esperimento Portable On Board Printer 3D ha permesso di testare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) una stampante 3D automatizzata, in grado di produrre oggetti in plastica. I risultati di questo esperimento consentono di aprire la strada all'installazione di una stampante 3D di dimensioni standard a bordo della ISS in futuro, rappresentando un primo passo verso la produzione digitale e automatizzata di oggetti direttamente a bordo della ISS e di altri veicoli spaziali o avamposti planetari.
Questo esperimento consiste in una sessione di fabbricazione automatizzata che produce un piccolo oggetto in plastica. La ricerca raggiunge una fase iniziale di convalida per l'introduzione di questa tecnologia di formatura di polimeri automatizzata e flessibile a bordo della ISS e per l'uso come promozione per ulteriori sviluppi delle applicazioni di stampa 3D da utilizzare nello spazio.

Missione: Expedition 45-46

Data di lancio: 06/12/2015 00:00:00

‣ News

GIOVEDÌ 12 GENNAIO 2023

Progressi spaziali per le missioni nanosatellitari del progetto Alcor ‣

Le missioni selezionate nel bando 'Future missioni CubeSat' hanno raggiunto importanti traguardi MORE...

LUNEDÌ 21 NOVEMBRE 2022

Gli scatti lunari di Argomoon ‣

La raccolta di tutte le foto della Luna scattate dal satellite dell'ASI MORE...

MERCOLEDÌ 16 NOVEMBRE 2022

Artemis 1 liftoff! ‣

Per il nostro Paese un ruolo da protagonista con il settore spaziale italiano guidato dall'Agenzia Spaziale Italiana MORE...

LUNEDÌ 14 NOVEMBRE 2022

OVOSPACE, esperimento completato ‣

OVOSPACE ha l’obiettivo di studiare l’effetto della microgravità sulle funzioni endocrine di due tipi di cellule ovariche bovine MORE...

GIOVEDÌ 10 NOVEMBRE 2022

L’esperimento Prometeo è in orbita sulla ISS ‣

PROMETEO ha l’obiettivo di studiare contromisure allo stress ossidativo causato da microgravità e radiazioni ionizzanti MORE...