LIDAL migliora la capacità di ALTEA di effettuare misurazioni che possono essere convertite, tramite software dedicato in tempo reale, in coefficienti di rischio di radiazione, consentendo in tal modo ad ALTEA di diventare il primo "misuratore di rischio" dosimetrico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

    La conoscenza dell'ambiente di radiazione a bordo della Stazione spaziale internazionale (ISS) è obbligatoria per fornire informazioni per la valutazione del rischio di radiazioni e per convalidare modelli e definire possibili contromisure.

    ALTEA è l'unico strumento in grado di ottenere i parametri di "qualità della radiazione" necessari (per ioni con Z> 3). Per una valutazione dosimetrica completa, ALTEA deve anche rilevare ioni più leggeri (Z≤3). La nuova configurazione dei telescopi al silicio ALTEA, insieme al nuovo rivelatore, soddisfa questa esigenza e fornisce nuove informazioni sugli spettri di energia cinetica dei diversi componenti della radiazione cosmica a bordo della ISS.

    Il nuovo hardware Light Ions Detector per ALTEA (LIDAL), quando interfacciato con il rivelatore ALTEA, può essere utilizzato per studiare lo spettro del trasferimento di energia lineare (LET) di protoni ed elio, allargando la finestra di accettazione degli ioni rilevabili ALTEA. Inoltre, il sistema TOF consente di ricostruire gli spettri di energia cinetica di protoni e ioni pesanti, con una risoluzione energetica che dipende dalla risoluzione temporale del sistema TOF.

    I modelli possono essere migliorati sulla base di queste misurazioni. L'equipaggio potrebbe anche conoscere in tempo reale il livello dei parametri di rischio radiazioni. I modelli di rischio di radiazioni potrebbero avere la possibilità di  essere testati utilizzando dati in tempo reale. Misurazioni dettagliate sugli ioni pesanti possono aiutare a risolvere i problemi rilevati dalle misurazioni precedenti, come la mancanza di ioni Ferro rispetto ad altri esperimenti, e le misurazioni di ioni più leggeri durante le possibili SPE possono caratterizzare l'ambiente di radiazione ISS a bassa Z durante tali eventi. In ne, questa con gurazione di ALTEA, insieme all'aiuto di nuovi software, costituisce il primo "misuratore del rischio di radiazioni" in tempo reale nello spazio.

Missione: Expedition 61/62- 63/64- 65/66- 67/68

Data di lancio: 02/11/2019 00:00:00

‣ News

MERCOLEDÌ 09 DICEMBRE 2020

L’Agenzia Spaziale Italiana ti porta sulla Luna ‣

L’Agenzia Spaziale Italiana, in occasione del primo volo del programma Artemis, porterà il tuo pensiero sullo Spazio in orbita intorno alla Luna MORE...

GIOVEDÌ 03 DICEMBRE 2020

Workshop di Scienze della Vita applicate allo Spazio, una roadmap per la prossima decade ‣

Al via le attività preparative dei Tavoli tematici di Fisiologia Integrata, Microbiologia, Sistemi Biologici di Supporto alla Vita e Radiazioni MORE...

MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE 2020

Artemis: il ruolo dell’Italia ‣

Un webinar organizzato dall’ASI per discutere le opportunità e le sfide della partecipazione italiana alla futura esplorazione lunare con il programma Artemis MORE...

MARTEDÌ 13 OTTOBRE 2020

ARTEMIS, SIGLATO IL PRIMO ACCORDO MULTILATERALE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ‣

L’accordo, firmato tra la NASA e i Paesi partner tra cui l’Italia, rappresentata dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle politiche per lo spazio Riccardo Fraccaro, ha stabilito una serie di principi guida che dovranno essere rispettati nel corso del programma lunare

MORE...

GIOVEDÌ 03 SETTEMBRE 2020

Global Exploration Roadmap – agosto 2020 ‣

Disponibile l'ultimo aggiornamento realizzato dall'International Space Exploration Coordination Group

MORE...