L'esperimento Italian-FOAM valuta, in microgravità, il recupero di forma di schiume epossidiche a memoria di forma, realizzate a terra e caratterizzate da differenti complessità geometriche. I polimeri a memoria di forma (Shape Memory Polymers - SMPs) sono materiali caratterizzati dalla capacità di riparare una data deformazione quando raffreddati al di sotto di una certa temperatura di transizione (temperatura di transizione vetrosa). Al surriscaldamento al di sopra della temperatura di transizione, le catene polimeriche si riorganizzano, determinando un recupero macroscopico della forma originale. La produzione di schiume permette di personalizzare le proprietà degli SMPs in base ai requisiti dell'applicazione; le schiume hanno, infatti, generalmente una rigidità e resistenza meccaniche ridotte, a fronte di una maggiore comprimibilità. I-Foam ha sviluppato una nuova tecnologia di schiumatura in grado di produrre schiume termoindurenti a partire da polveri termoindurenti. Questo metodo è più semplice dei metodi di schiumatura convenzionali e fornisce schiume omogenee a celle chiuse con eccellenti proprietà meccaniche.

È stato osservato che le schiume prodotte dalla schiuma allo stato solido presentano eccellenti proprietà di memoria di forma. Infatti, queste schiume, molto rigide a temperatura ambiente, diventano spugnose quando riscaldate al di sopra della Tg (temperatura di transizione vetrosa); in questo stato possono essere imballate fino al completo collasso dei pori, senza generare danni alla schiuma. Raffreddando al di sotto della temperatura di transizione, questa struttura compatta rimane stabile senza forza vincolante. Quando riscaldato al di sopra della temperatura di transizione, la schiuma recupera la sua forma originale.

Al fine di studiare il comportamento di questa nuova classe di materiali in microgravità, I-Foam include una serie di test: recupero di forma di una schiuma epossidica, spiegamento di una struttura complessa, attuatore semplificato. Una volta tornati a terra i campioni utilizzati nell’esperimento spaziale sono sottoposti ad analisi e confrontati con i campioni testati, nelle medesime condizioni, in laboratorio, al fine di studiare il comportamento di questa nuova classe di materiali in un ambiente microgravitazionale.

Missione: Expedition 27-28

Data di lancio: 16/05/2011 00:00:00

‣ News

MERCOLEDÌ 09 DICEMBRE 2020

L’Agenzia Spaziale Italiana ti porta sulla Luna ‣

L’Agenzia Spaziale Italiana, in occasione del primo volo del programma Artemis, porterà il tuo pensiero sullo Spazio in orbita intorno alla Luna MORE...

GIOVEDÌ 03 DICEMBRE 2020

Workshop di Scienze della Vita applicate allo Spazio, una roadmap per la prossima decade ‣

Al via le attività preparative dei Tavoli tematici di Fisiologia Integrata, Microbiologia, Sistemi Biologici di Supporto alla Vita e Radiazioni MORE...

MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE 2020

Artemis: il ruolo dell’Italia ‣

Un webinar organizzato dall’ASI per discutere le opportunità e le sfide della partecipazione italiana alla futura esplorazione lunare con il programma Artemis MORE...

MARTEDÌ 13 OTTOBRE 2020

ARTEMIS, SIGLATO IL PRIMO ACCORDO MULTILATERALE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ‣

L’accordo, firmato tra la NASA e i Paesi partner tra cui l’Italia, rappresentata dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle politiche per lo spazio Riccardo Fraccaro, ha stabilito una serie di principi guida che dovranno essere rispettati nel corso del programma lunare

MORE...

GIOVEDÌ 03 SETTEMBRE 2020

Global Exploration Roadmap – agosto 2020 ‣

Disponibile l'ultimo aggiornamento realizzato dall'International Space Exploration Coordination Group

MORE...