La foto è stata scattata con una fotocamera Nikon Z50, obiettivo 16 mm, 10 secondi di esposizione

13 Maggio 2024

Nella notte tra venerdì e sabato scorsi, a causa di una tempesta geomagnetica estrema, che ha espulso della massa coronale solare verso la Terra, sono state visibili in quasi tutta Italia delle aurore boreali, fenomeni che in genere sono abituali solo nelle regioni polari.

In questa foto, scattata intorno alle 00.44 di sabato 11 maggio da Angelo Zinzi, tecnologo ASI, dalla sua abitazione in provincia di Caserta, si nota l’aurora sopra i rilievi del casertano, in particolare i Monti Tifatini.

La foto è stata scattata con una fotocamera Nikon Z50, obiettivo 16 mm, 10 secondi di esposizione.

"L’attività del Sole segue un periodo di attività di circa 11 anni - commenta Marco Stangalini, ricercatore ASI - periodicamente, sulla superficie del Sole affiorano campi magnetici, di cui le macchie solari sono la manifestazione più evidente e forse più conosciuta, che sono il risultato di complessi processi di dinamo all’interno della stella.

Come un groviglio di elastici, questi campi magnetici vengono attorcigliati dai moti del plasma, accumulando energia fino a divenire instabili e a rilasciarla impulsivamente nello spazio interplanetario. Ciò è proprio quello che è avvenuto negli ultimi giorni, quando una gigantesca regione magnetica dinamicamente molto attiva, dal nome in codice AR 13664, ha prodotto alcuni brillamenti ed espulsioni di massa coronale dirette verso la Terra".

‣ News

MARTEDÌ 07 MAGGIO 2024

LICIACube osserva e misura il lato notturno di Dimorphos ‣

I risultati presentati in un nuovo studio a guida ASI MORE...

GIOVEDÌ 15 FEBBRAIO 2024

Euclid, al via l’indagine dell’Universo oscuro ‣

La missione Euclid inizia oggi la sua mappatura dell’Universo oscuro. Il primo compito sarà osservare una porzione di cielo ampia 130 gradi quadrati nell’emisfero celeste meridionale MORE...

MARTEDÌ 19 DICEMBRE 2023

Dieci anni con Gaia ‣

Un compleanno importante per la missione del programma scientifico ESA che vanta un significativo contributo italiano MORE...