L’astronauta ha partecipato a una conferenza stampa dal centro astronauti di Colonia

15 Ottobre 2022

Dopo quasi sei mesi in orbita, l’astronauta ESA è rientrata a Terra il 14 ottobre insieme ai tre membri dell’equipaggio Crew-4, gli astronauti NASA Kjell Lindgren, Bob Hines e Jessica Watkins, terminando così la sua seconda missione sulla Stazione Spaziale Internazionale, Minerva.

L’astronauta ha partecipato alla sua prima conferenza stampa post missione che si è tenuta il 18 ottobre alle 10:45 presso il Centro  Europeo Astronauti (EAC) dell’ESA a Colonia. Presenti in collegamento il direttore generale ESA Josef Aschbacher e il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana Giorgio Saccoccia, mentre il responsabile dei programmi della ISS e capo dell’EAC Frank De Winne ha partecipato in presenza a fianco di Samantha.

Samantha ha risposto alle domande dei giornalisti presenti in loco e collegati da remoto, raccontando le fasi del rientro della Crew Dragon, l’esperienza unica dell’attività extraveicolare e il lavoro che la attende nelle prossime settimane. Dal momento del suo arrivo a Colonia AstroSamantha ha affrontato i primi test, quattro ore solo il primo giorno e nei prossimi mesi sarà impegnata con le attività di raccolta dei dati degli esperimenti effettuati durante i suoi quasi sei mesi sull’avamposto spaziale.

‘Bentornata Samantha – ha detto Saccoccia -  sei un modello per le nuove generazioni, la tua missione ha un valore simbolico, è stato emozionante vederti lavorare insieme con gli altri astronauti è una prova che le attività spaziali sono simbolo di pace e di collaborazione internazionale. Hai dato prova di grande professionalità svolgendo esperimenti e valorizzando il lavoro di scienziati italiani ed europei’.

‘Samantha ha svolto un ottimo lavoro con i suoi esperimenti – ha affermato Aschbacher -  ha comunicato in modo eccellente la scienza nello spazio, la sua missione è stata costellata di successi: è diventata la prima astronauta donna europea a eseguire un’attività extraveicolare e la prima al comando della Stazione Spaziale’.

‘E’ stato un onore aver avuto l’opportunità di rivedere la Stazione Spaziale dopo quasi un decennio – ha detto Samantha -  questo avamposto così complesso ha un valore enorme per l’umanità. Ora mi attendono settimane di debriefing dedicati ai risultati degli esperimenti che ho svolto in orbita  e resterò in contatto con gli astronauti della Crew-4 che si trovano a Houston’.

Lo scorso 28 settembre AstroSamantha ha assunto il comando della ‘casa cosmica’, subentrando al cosmonauta russo dell’Expedition 67 Oleg Artemyev, diventando la prima astronauta donna italiana ed europea alla guida della Stazione.

Minerva, la seconda missione sulla ISS della Cristoforetti dopo Futura dell’ASI nel 2014, è iniziata il 27 aprile 2022 con il liftoff della Crew-4 a bordo di un razzo Falcon 9 di SpaceX. Da quel momento AstroSamantha ha preso parte a un’intensa attività scientifica, lavorando a diversi esperimenti tra cui 6 dell’Agenzia Spaziale Italiana in diversi ambiti: salute, neuroscienze, radiazioni e alimentazione.

Fin dall’inizio della missione Minerva, Samantha è stata responsabile del Segmento Orbitale degli Stati Uniti (USOS), supervisionando le attività nei moduli e nei componenti statunitensi, europei, giapponesi e canadesi della Stazione. Lo scorso 21 luglio, Cristoforetti ha fatto anche la sua prima passeggiata spaziale, diventando la prima astronauta donna europea a eseguire un’attività extraveicolare.

Crediti foto: DLR

‣ News

GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2023

Torna in ASI ‘Spazio Cinema’ con le prime due puntate di Spazio 1999 ‣

Un ritorno al passato per pensare al futuro. Il 3 febbraio alle ore 20:15 la versione restaurata della serie cult alla presenza del presidente dell’ASI Giorgio Saccoccia, dell’amministratore delegato della Thales Alenia Space Massimo Comparini e del critico e regista Marco Spagnoli MORE...

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

LUNEDÌ 23 GENNAIO 2023

Firmati i contratti tra l’ASI e Leonardo per i payload delle prossime missioni PLATiNO per l’osservazione della Terra con minisatelliti ‣

L’Agenzia Spaziale Italiana  ha siglato con Leonardo due contratti dal valore totale di circa 33 milioni di euro per lo sviluppo e realizzazione della camera ad alta risoluzione di PLATiNO 3 e della camera iperspettrale di PLATiNO 4 MORE...

LUNEDÌ 23 GENNAIO 2023

Siglato Protocollo d’intesa tra Italia e Algeria per la cooperazione nel settore delle attività spaziali per scopi pacifici ‣

A firmare il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Giorgio Saccoccia e il direttore generale dell’Agenzia Spaziale Algerina Azzedine Oussedik MORE...

VENERDÌ 20 GENNAIO 2023

Il satellite Juice lascia l’Europa ‣

A bordo importanti strumenti finanziati e sviluppati sotto la guida dell’ASI. Per la sonda dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Italiana ha messo in campo una grande attività di collaborazione con enti, industrie e anche con altre agenzie spaziali nazionali MORE...