Le più dinamiche startup italiane alla sfida dei mercati globali

28 Aprile 2022

Giovani, innovative, con forte potenziale di crescita. Sono i tratti comuni delle 100 startup che saranno selezionate per partecipare alla terza edizione del Global Start Up Program (GSUP). Una rampa di lancio messa a disposizione dell’estro imprenditoriale delle giovani aziende italiane che desiderano migliorare l’efficacia del proprio business model e accrescere il know-how gestionale e finanziario trascorrendo 8 settimane, a partire da settembre 2022, presso alcuni tra i più qualificati acceleratori esteri per elevare i livelli di competitività nell'acceso confronto internazionale.

Il Global Start Up Program si inserisce nel quadro di una strategia complessiva realizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dall’Agenzia ICE, volta a sostenere con sempre più efficacia le nostre imprese sui mercati internazionali, con un’attenzione prioritaria alla promozione del Made in Italy (da ultimo tramite lo strumento del “Patto per l’Export”), al contempo rafforzando la diplomazia economica quale componente essenziale della nostra politica estera.

«Da alcuni anni, giovani e innovazione sono al centro della nostra strategia — afferma Carlo Ferro, Presidente di ICE Agenzia — Sei delle 19 nuove azioni dell'ICE lanciate in questi anni, infatti, riguardano formazione e start up. Gli stanziamenti per promuovere le start-up sui mercati esteri sono moltiplicati di un fattore di 3. Fra queste, il Global Startup Program che porta ogni anno circa 100 giovani imprese italiane ad accelerare in dieci mercati esteri. Stiamo lanciando la terza edizione e stiamo avviando collaborazioni con partner europei per dare un taglio ancora più internazionale alla nostra iniziativa. Perché ICE Agenzia - con il MAECI - vuole accompagnare le giovani imprese in un percorso virtuoso di internazionalizzazione, crescita e innovazione».

All’edizione del 2020 del Programma hanno partecipato 90 startup che hanno trascorso un percorso virtuale, causa pandemia, di incubazione/accelerazione all’estero. La nuova edizione torna in presenza e vedrà interessati i seguenti Paesi: Cina, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Singapore, Stati Uniti d'America (Chicago, Houston, New York e San Francisco) ed Israele. Il programma in Israele è oggetto di bando separato pubblicato dall’Ambasciata d’Italia in Israele in collaborazione con l’Agenzia ICE.

I principali settori di interesse saranno life sciences, smart cities, smart agriculture & foodtech, robotic &  industry 4.0circular economy, space  e automotive. Il programma dedicato al settore spazio, presso gli acceleratori specializzati di Houston (USA) e Singapore, è una delle iniziative  in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) con cui è in piedi una cooperazione più ampia volta a supportare l’industria spaziale italiana nei mercati internazionali.

Durante il periodo di incubazione/accelerazione le startup saranno coinvolte in attività di mentoring, eventi di networking, incontri con investitori e corporate. Il programma prevede inoltre la possibilità per le startup di partecipare, anche in forma collettiva, alle più importanti manifestazioni internazionali in tema di innovazione digitale e nuove tecnologie.

 

Sarà possibile presentare domanda fino al 22 maggio 2022:
www.ice.it/it/settori/startup-innovazione/global-start-up-program

Ulteriori informazioni sulle iniziative di Agenzia ICE a favore delle startup innovative: www.ice.it/it/settori/startup-innovazione

‣ News

GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2023

Torna in ASI ‘Spazio Cinema’ con le prime due puntate di Spazio 1999 ‣

Un ritorno al passato per pensare al futuro. Il 3 febbraio alle ore 20:15 la versione restaurata della serie cult alla presenza del presidente dell’ASI Giorgio Saccoccia, dell’amministratore delegato della Thales Alenia Space Massimo Comparini e del critico e regista Marco Spagnoli MORE...

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

LUNEDÌ 23 GENNAIO 2023

Firmati i contratti tra l’ASI e Leonardo per i payload delle prossime missioni PLATiNO per l’osservazione della Terra con minisatelliti ‣

L’Agenzia Spaziale Italiana  ha siglato con Leonardo due contratti dal valore totale di circa 33 milioni di euro per lo sviluppo e realizzazione della camera ad alta risoluzione di PLATiNO 3 e della camera iperspettrale di PLATiNO 4 MORE...

LUNEDÌ 23 GENNAIO 2023

Siglato Protocollo d’intesa tra Italia e Algeria per la cooperazione nel settore delle attività spaziali per scopi pacifici ‣

A firmare il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Giorgio Saccoccia e il direttore generale dell’Agenzia Spaziale Algerina Azzedine Oussedik MORE...

VENERDÌ 20 GENNAIO 2023

Il satellite Juice lascia l’Europa ‣

A bordo importanti strumenti finanziati e sviluppati sotto la guida dell’ASI. Per la sonda dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Italiana ha messo in campo una grande attività di collaborazione con enti, industrie e anche con altre agenzie spaziali nazionali MORE...