L'incontro con la delegazione degli Emirati Arabi Uniti  guidata dal Ministro dell’Economia Abdulla bin Touq Al Marri  si è svolto presso la sede di Leonardo e ha visto la partecipazione di ASI e delle industrie nazionali del settore

11 Febbraio 2022

Leonardo ha ospitato oggi presso i propri uffici di Roma, in Piazza Monte Grappa, una delegazione degli Emirati Arabi Uniti guidata dal Ministro dell’Economia Abdulla bin Touq Al Marri, comprendente anche membri della UAE Space Agency e delle industrie nazionali del settore.

 Dopo la presentazione strategica del gruppo, l’amministratore delegato di Leonardo Alessandro Profumo ha commentato: «Le tecnologie di Leonardo contribuiscono alla sicurezza e alla prosperità degli Emirati Arabi Uniti da oltre cinquant'anni. L’incontro di oggi è un’occasione per rafforzare questi legami e crediamo che Leonardo possa contribuire ulteriormente, con le proprie competenze e soluzioni tecnologiche, a una visione di sviluppo sostenibile condivisa a beneficio di entrambi i nostri Paesi». Leonardo ha una branch ad Abu Dhabi e negli anni ha fornito al Paese arabo piattaforme altamente tecnologiche che includono oltre 100 elicotteri, sistemi navali e di comunicazioni sicure, tecnologie spaziali e velivoli da addestramento, tra cui l’Aermacchi MB-339, scelto per la pattuglia acrobatica nazionale degli Emirati, Al Fursan, che si è addestrata proprio in Italia utilizzando i velivoli di Leonardo e i sistemi didattici italiani.

 A seguire, l’incontro di ‘sistema Paese’ – coordinato dall’Italian Trade Agency (ITA) e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) –, cui hanno anche preso parte l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), la federazione Aziende Italiane per l’Aerospazio, la Difesa e la Sicurezza (AIAD), Avio e Intecs Solutions.

Nel suo intervento, il Presidente dell’ASI Giorgio Saccoccia ha sottolineato: «La cooperazione internazionale è fondamentale per la realizzazione di programmi sfidanti in un settore all'avanguardia come quello spaziale e per facilitare le opportunità di export per le nostre aziende. Per questo l'Agenzia Spaziale Italiana sta lavorando insieme alla nostra industria nazionale e all'Accademia per rafforzare e consolidare la partnership nello spazio con gli Emirati Arabi Uniti, considerati un partner importante e appetibile per future attività congiunte in campo spaziale».

«Questa settimana di visita di alcuni dei nostri distretti industriali ha evidenziato diversi fattori di successo del Made in Italy e dei cluster italiani, ossia la capacità di fare sistema fra grandi leader e piccole e medie imprese, la collaborazione fra imprese private e università pubbliche nel trasferimento tecnologico della ricerca, e la capacità di coniugare tecnologia con tradizione, creatività e stile. Ecco, tutte queste caratteristiche sono anche nell’industria italiana dell’aerospazio che genera oltre 5 miliardi export – ha dichiarato Carlo Ferro, Presidente di ICE Agenzia.

 Tra gli ospiti di oggi anche Avio, con il responsabile relazioni istituzionali Min. Plen. Mario Cospito, che ha ricordato l’interesse per il mercato emiratino illustrando le eccellenze del lanciatore Vega che proprio in questi giorni compie 10 anni, un bagaglio di esperienza ineguagliabile su cui poggerà il successo del Vega C che volerà per la prima volta quest’anno. A sottolineare questo interesse anche la partecipazione ad Expo 2020 Dubai dove è esposto un modello del nuovo lanciatore.

 

 

‣ News

MERCOLEDÌ 28 SETTEMBRE 2022

Osservatorio Space Economy | Rilevazione mercato EO 2022 ‣

Call del Politecnico di Milano supportata dall'ASI - Scadenza: 9 ottobre 2022

MORE...

MERCOLEDÌ 07 SETTEMBRE 2022

Progetto di ricerca per studenti e ricercatori sull’Economia della sostenibilità spaziale ‣

Scadenza manifestazioni di interessa: 15 settembre 2022 MORE...

MARTEDÌ 06 SETTEMBRE 2022

ESA BIC Lazio: ultima finestra per presentare domanda nel 2022 ‣

La call della Regione Lazio, European Space Agency - ESA e Agenzia Spaziale Italiana supporta l’avvio di imprese che intendono applicare conoscenze e tecnologie di derivazione spaziale in altri settori di attività.

Candidature entro il 4 novembre 2022

Le startup selezionate svolgeranno il proprio percorso di incubazione per lo sviluppo dell’idea imprenditoriale presso lo Spazio Attivo Roma Tecnopolo di Lazio Innova per un periodo massimo di 24 mesi e avranno accesso a:

  • fondo di 50.000 EURO per attività di prototipazione, sviluppo prodotto/servizio e proprietà intellettuale;
  • supporto personalizzato da tutor e mentor Lazio Innova;
  • supporto tecnico da esperti ASI ed ESA;
  • accesso a una rete europea di start-up e partner;
  • supporto nella ricerca di ulteriori finanziamenti e accesso agli investitori;
  • credibilità del marchio ESA SPACE SOLUTIONS.

Per chi fosse interessato a un primo approfondimento il 13 settembre e il 6 ottobre saranno organizzati 2 incontri on line di presentazione della call.

Per partecipare: 1° webinar, 13 settembre - link 2° webinar, 6 ottobre - link  Per info, cliccare qui Qui di seguito i link che richiamano alla Call ESA BIC Lazio e all’ultima finestra di candidatura per il 2022 sul sito e sui vari canali social di Lazio Innova:

VENERDÌ 02 SETTEMBRE 2022

L’Agenzia Spaziale Italiana al 31° Economic Forum di Karpacz ‣

L’evento si terrà in Polonia dal 6 all’8 settembre 2022 MORE...

MARTEDÌ 02 AGOSTO 2022

ESA BIC Turin: aperta la seconda selezione di startup del settore spaziale ‣

Dopo il successo della prima call per il programma di incubazione, l’ESA Business Incubation Centre Turin ha lanciato la sua seconda selezione di nuove promesse della Space Economy, che terminerà il 9 settembre 2022 MORE...