Il secondo catalogo della missione AGILE relativo ai Gamma Ray Burst è stato pubblicato sull'Astrophysical Journal

08 Febbraio 2022

Il secondo catalogo della missione AGILE relativo ai Gamma Ray Burst (GRB) rilevati in 13 anni di osservazioni tramite il MiniCALorimetro (MCAL) è stato pubblicato sull'Astrophysical Journal: "The Second AGILE MCAL Gamma-Ray Burst Catalog: 13 yr of Observations", A. Ursi et al., ApJ 925 (2022).

Questo nuovo catalogo presenta i risultati di una ricerca e un'analisi sistematiche dei GRB rilevati dallo strumento MCAL di AGILE nella banda di energia 0,4–100 MeV in un arco di tempo di 13 anni, da novembre 2007 a novembre 2020. Il campione è costituito da 503 burst visti da MCAL, 394 dei quali sono stati completamente rilevati a bordo con un'elevata risoluzione temporale ed è composto per circa il 44% da GRB brevi e per il 56% da GRB lunghi.

Il campione di GRB nel nuovo catalogo AGILE MCAL è costituito principalmente da GRB a spettro duro, con un'ampia frazione di eventi di breve durata. I dettagli dei burst rivelati da MCAL possono essere utilizzati per eseguire analisi congiunte multi-banda con altre missioni e per fornire informazioni sulla componente ad alta energia dell'emissione rapida nell'intervallo di energia di decine di mega elettronvolt.

Una versione on-line del secondo catalogo del GRB di AGILE MCAL è disponibile anche come tabella web interattiva presso lo Space Science Data Center (SSDC) dell'ASI. La pagina web interattiva offre anche accesso a prodotti scientifici supplementari, come: curve di luce dei GRB di MCAL su 4 diverse scale temporali, hardness ratio, curve di luce dei ratemeter di AGILE e stime dei parametri temporali T50 e T90 delle curve di luce.

Per ogni evento è possibile visualizzare i prodotti supplementari disponibili tramite il tool SSDC “GRB Explorer”.

‣ News

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2023

Il Sesto Convegno nazionale della Collaborazione Euclid Italia 2023 ‣

In programma presso la sede dell'Agenzia Spaziale Italiana dal 19 al 20 Gennaio 2023 MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

La scienza di LICIACube in primo piano ‣

Il team di ricercatori della missione LICIACube protagonista al convegno dell’American Geophysical Union MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

ASI e INAF in prima linea contro il rischi di impattori imminenti ‣

Esperimento di "risposta rapida" effettuato nell'ambito del progetto NEOROCKS MORE...

GIOVEDÌ 22 DICEMBRE 2022

Vela, una pulsar al limite (della polarizzazione) ‣

La missione IXPE, frutto di una collaborazione tra NASA e ASI, ha osservato una particolare pulsar nella costellazione della Vela. Studio su Nature MORE...