Completati con successo i test sul terreno marziano simulato di Altec a Torino. Il rover gemello del Rosalind Franklin dedicato ad Amalia Ercoli Finzi

27 Gennaio 2022

Il rover dell'Esa Rosalind Franklin inizia il nuovo anno avendo completato con successo tutte le attività di manutenzione e i test funzionali previsti. Equipaggiamento e strumenti scientifici a bordo del rover sono pronti per il volo per la missione, con alcune messe a punto minori che saranno completate nei prossimi due mesi.

«Il rover è pronto per la sua missione e il recente successo dei test di qualifica dei paracadute ci dà confidenza di poter iniziare la campagna di lancio nei tempi previsti», ha dichiarato Pietro Baglioni, alla guida del team rover ExoMars dell'Esa.

Solo una volta ogni due anni e per circa dieci anni la meccanica celeste consente al veicolo spaziale di raggiungere Marte dalla Terra nel minor tempo possibile, circa nove mesi.

Il rover Rosalind ora si trova in una camera ultra-pulita presso la sede di Thales Alenia Space a Torino, vicino alla sua compagna di viaggio, la piattaforma di atterraggio Kazachok. Dopo una revisione finale ad aprile, tutti i componenti del veicolo spaziale (modulo di trasporto Terra-Marte, modulo di discesa con piattaforma di atterraggio, e rover) saranno portati al sito di lancio a Baikonur nel Kazakistan per i preparativi finali.

«Poco prima di quest'ultimo trasporto sulla Terra, caricheremo la versione finale del software che consentirà al rover di esplorare Marte in modo autonomo», spiega Pietro Baglioni.

Dopo la fase critica di discesa sulla superficie di Marte, il momento più atteso della missione ExoMars sarà quando Rosalind lascerà la piattaforma di atterraggio e toccherà il suolo marziano per la prima volta. L'apertura del rover sulla piattaforma e l'uscita da Kazachok è un’operazione complessa, che gli ingegneri hanno studiato e stanno provando sulla Terra.

Nel corso degli ultimi test, il gemello del rover Rosalind Franklin dell'Esa ha effettuato vari test con la piattaforma in un simulatore terrestre di Marte presso la sede di Altec a Torino.

Queste simulazioni durano circa 15 minuti, ma l'intera fase di sviluppo e uscita dalla piattaforma su Marte durerà vari giorni. Dopo l'atterraggio, il rover sarà impegnato per circa una settimana in una serie di controlli e self test prima di procedere al sollevamento delle ruote e al dispiegamento dei pannelli solari e dell'asta con le telecamere.

«L'uscita è un'operazione lunga e importantissima. Dobbiamo essere attenti e farlo funzionare molto lentamente, al fine di garantire la massima sicurezza», spiega Andrea Merlo, Capo della Robotica presso Thales Alenia Space.

La piattaforma di atterraggio ha due rampe d'uscita: una anteriore e una posteriore. Il rover Rosalind è stato progettato per percorrere pendenze ripide sulle rampe, ma spetta al controllo terrestre decidere qual è la modalità di uscita più sicura.

«Quando le sei ruote toccheranno la superficie marziana, inizierà la storia di questo rover su Marte. Ci sentiamo pronti e attendiamo la vera missione», dichiara Andrea Merlo.

Il rover gemello di ExoMars, fino a oggi noto come modello di test a terra, ha un nuovo nome: Amalia. Questo modello prende il nome dalla Professoressa Amalia Ercoli Finzi, nota astrofisica italiana, con una vasta esperienza nella dinamica dei voli spaziali.

Amalia è stata la prima donna a laurearsi in ingegneria aeronautica in Italia e, oltre a servire come consulente scientifico per l'Esa e la Nasa, ha progettato il trapano sul lander Philae di Rosetta e ha fortemente spinto per lo sviluppo del trapano del rover di ExoMars già 20 anni fa.

«Sono lusingata e onorata di avere questo elemento della missione ExoMars che porta il mio nome. Marte ci sta aspettando», ha detto Amalia Ercoli Finzi dopo aver ricevuto la notizia.

«Il divertimento è solo all'inizio. Useremo Amalia per eseguire operazioni pericolose, dalla guida intorno ai pendii marziani alla ricerca del percorso migliore per le operazioni scientifiche fino alla trivellazione e all'analisi delle rocce», spiega Andrea Merlo.

«Dopo il successo dei test del sistema di paracadute completati a dicembre scorso - spiega Raffaele Mugnuolo Capo Unità Asi per i satelliti scientifici e per l'esplorazione robotica - i progressi sul rover Rosalind Franklin rappresentano un altro passo importante verso la conferma del lancio di ExoMars a settembre prossimo. Va inoltre sottolineato l'importante ruolo che sta svolgendo il centro Altec di Torino che ospita il Rover Operations Control Center (ROCC) di ExoMars che oltre a consentire il completamento dei test di Rosalind Franklin, ospita anche il suo gemello intitolato ad Amalia Ercoli Finzi, cosa di cui sono particolarmente orgoglioso: ho avuto, infatti, l’onore di lavorare con la Professoressa Ercoli Finzi sia per la missione Rosetta che per ExoMars».

Finora, Amalia ha portato campioni di terreno trivellati fino a 1,7 metri di profondità e ha fatto funzionare tutta la strumentazione inviando al contempo dati scientifici al Centro di controllo delle operazioni del rover (Rocc), l'hub operativo che organizzerà la passeggiata del rover costruito in Europa su Marte e situato presso Altec a Torino

«Il 2023 è dietro l'angolo, e presto il rover europeo potrà finalmente unirsi agli altri rover marziani con un laboratorio scientifico di prim'ordine a bordo», afferma Pietro Baglioni

 

Immagine in evidenza: Il rover modello Amalia, gemello di ExoMars, utilizzato dagli ingegneri per ricreare diversi scenari e aiutarli a prendere decisioni che manterranno Rosalind al sicuro nel difficile ambiente di Marte. (Crediti: Esa)

‣ News

VENERDÌ 02 DICEMBRE 2022

Plato, il primo dei 26 telescopi è pronto per l’integrazione con il piano focale ‣

Completata l'ispezione finale del primo Telescope Optical Unit della missione MORE...

MERCOLEDÌ 02 NOVEMBRE 2022

Neorocks al giro di boa ‣

L'ASI partecipa al progetto finanziato nell'ambito del programma H2020 dell'Unione Europea e coordinato da INAF MORE...

VENERDÌ 28 OTTOBRE 2022

IXPE indaga l’insolito comportamento di Hercules X-1 ‣

La missione NASA-ASI ha puntato i suoi strumenti su Hercules X-1, una stella di neutroni in accrescimento a 21000 anni luce da noi MORE...

MERCOLEDÌ 26 OTTOBRE 2022

Buchi neri supermassicci quieti e inquieti sotto le lenti polarizzate nei raggi X ‣

Le osservazioni svolte dal telescopio spaziale Ixpe, missione congiunta Asi-Nasa MORE...

MERCOLEDÌ 19 OTTOBRE 2022

IXPE rivela i più energetici segreti di una celebre supernova ‣

Per la prima volta gli astronomi hanno misurato e mappato la polarizzazione dei raggi X emessi dai resti di una stella esplosa, chiamata Cassiopea A. Lo studio, ottenuto grazie alle osservazioni di IXPE, missione congiunta NASA-ASI, permetterà di spiegare il ruolo dei campi magnetici nella produzione della radiazione di alta energia nei resti di supernovae MORE...