Un nuovo studio, condotto dai ricercatori dell'ASI, ha indagato gli impatti ambientali che l'incremento della popolazione e la conseguente domanda di acqua potabile stanno comportando nelle città messicane

08 Marzo 2021

Città del Messico sorge laddove un tempo si estendeva il Lago Texcoco. Nei secoli il lago è stato intenzionalmente prosciugato e la città si è sviluppata rapidamente, specialmente nel corso di tutto il XX secolo. Oggi, la metropoli conta oltre 21 milioni di abitanti e l’urbanizzazione ha portato ad uno sfruttamento eccessivo della sua falda acquifera e alla conseguente compattazione dei sedimenti lacustri sui quali si fonda il tessuto urbano.

L’emergenza della subsidenza del terreno e il rischio che ne deriva per le infrastrutture e per la popolazione a Città del Messico sono noti, così come in diverse altre metropoli del mondo. Queste problematiche rappresentano per la popolazione mondiale delle vere e proprie sfide verso la sostenibilità nell’uso delle risorse idriche del sottosuolo.

Una nuova indagine, condotta dai ricercatori dell’Agenzia Spaziale Italiana attraverso i dati dei satelliti ESA ERS-1/2, ENVISAT e del satellite Sentinel-1 del programma europeo di osservazione della Terra, Copenicus, ha fornito un resoconto completo dell’impatto ambientale che l’incremento della popolazione e la conseguente domanda di acqua potabile stanno comportando nella metropoli di Città del Messicoe nella città di Aguascalientes, anch’essa situata in Messico.

Per svolgere questa ricerca, i ricercatori si sono basati soprattutto sull’elaborazione di centinaia di immagini radar acquisite dal 2014 al 2020 dal satellite Sentinel-1.

L’analisi delle immagini è stata condotta attraverso tecniche avanzate di interferometria radar (InSAR), basate sul confronto multi-temporale di sequenze di dati di una stessa area, con l’obiettivo di fornire una stima non solo dei tassi deformatividi queste due importanti città messicane (quasi 40 cm/anno a Città del Messico, e 12 cm/anno ad Aguascalientes), ma anche di valutare il numero di case e infrastrutture urbane che sono a rischio di subsidenza e fratturazione.

«La novità di questi studi consiste innanzitutto nel numero incredibilmente alto di dati satellitari radar che sono stati elaborati e nelle centinaia di migliaia informazioni di deformazione che sono state estratte», spiegano i ricercatori dell'Asi Deodato Tapete e Francesca Cigna, autori dello studio. «L’analisi di questi Big Data ci ha permesso per la prima volta di condurre un’osservazione continuativa, quindi senza interruzioni temporali, dell’evoluzione della subsidenza a Città del Messico e Aguascalientes negli ultimi anni. Inoltre, non ci siamo limitati a quantificare l’intensità del fenomeno, ma con il stima del numero di case e infrastrutture urbane a rischio abbiamo anche dimostrato come il dato satellitare può essere convertito in un’informazione utile per gli utenti preposti alla gestione del territorio, della pianificazione urbanistica e della mitigazione del rischio».

Queste attività di ricerca applicata si inseriscono nel quadro delle collaborazioni internazionali svolte nell'ambito del CEOS(Comitato sui Satelliti per l’Osservazione della Terra) di cui l’Agenzia Spaziale Italiana è parte insieme alle altre agenzie spaziali, e in particolare dell’iniziativa Geohazards Lab.

‣ News

GIOVEDÌ 15 APRILE 2021

L’Ambasciata d’Italia in Argentina celebra la Giornata della Ricerca Italiana nel Mondo ‣

L'evento è dedicato alla cooperazione nelle tecnologie spaziali tra i due Paesi. Live sul canale Youtube dell'Ambasciata MORE...

MARTEDÌ 13 APRILE 2021

Hyperspectral Remote Sensing Workshop 2021: PRISMA Mission and beyond, al via la prima giornata ‣

Il 13 e 14 aprile in ASI. Guarda il video della sessione introduttiva MORE...

MARTEDÌ 30 MARZO 2021

Satelliti in prima linea per la tutela della Pineta di Castelfusano ‣

Il progetto sperimentale prevede l’utilizzo dei satelliti di Osservazione della Terra Copernicus, PRISMA e Athena Fidus per le telecomunicazioni MORE...

MERCOLEDÌ 17 MARZO 2021

Workshop di consultazione della comunità scientifico/applicativa sulla missione ESA NGGM/MAGIC – la sintesi ‣

Dopo l’esperienza di GOCE, l’Agenzia Spaziale Europea ha recentemente approvato uno studio di fattibilità per una nuova missione di gravità, denominata NGGM “NextGeneration Gravity Mission” (nota anche come MAGIC - Mass-change and Geosciences International Constellation), da realizzare in collaborazione con la NASA.

L'obiettivo della missione è il monitoraggio a lungo termine delle variazioni temporali del campo gravitazionale terrestre ad alta risoluzione temporale (fino a 3 giorni) e spaziale (100 km), abilitando in questo modo lo sviluppo di nuove attività scientifiche e applicative nei settori dell'idrologia, della criosfera, dell'oceanografia, della Terra solida e del cambiamento climatico.

In tale contesto l’ASI ha voluto riunire i vari soggetti interessati organizzando un evento nazionale per presentare le caratteristiche della missione, favorire il dialogo tra il comparto industriale e il mondo accademico, raccogliere prospettive e idee innovative per il rafforzamento, la crescita e la valorizzazione delle eccellenze dell’industria e della ricerca italiana del settore.

L’agenda del workshop è reperibile al seguente link

La sintesi del Workshop è invece scaricabile da questo link

Dai link sottostanti è infine possibile scaricare tutte le presentazioni mostrate durante l’evento, incluso un contributo ricevuto a valle del workshop relativo alla validazione a terra delle misure satellitari.

Presentazione 1 Presentazione 2 Presentazione 3 Presentazione 4 Presentazione 5 Presentazione 6 Presentazione 7 Presentazione 8 Presentazione 9 Presentazione 10 Presentazione 11