Il satellite verrà utilizzato per il monitoraggio del territorio e per i servizi di gestione delle emergenze e di ottimizzazione della missione Sentinel-1

03 Dicembre 2020

Thales Alenia Space ed ESA hanno firmato la prima tranche del contratto per la realizzazione di  ROSE-L, un satellite in banda L per il monitoraggio ambientale parte del Sistema europeo di Osservazione Radar Copernicus. Alla cerimonia della firma, che si è tenuta a Palazzo Chigi, erano presenti il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro, il direttore del programma di osservazione per la Terra dell’ESA, Josef Aschbacher,  il CEO di Thales Alenia Space Italia, Massimo Comparini, e il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia.

L’ammontare della prima trance è di 90 milioni di euro su un valore totale di 482 milioni di euro. ROSE-L sarà compatibile con Vega-C e Ariane 6-2, peserà 2.060 Kg al lancio e sarà posizionato a un’altitudine di 700 chilometri. Thales Alenia Space sarà primo contraente di questo programma con Airbus Defence and Space quale partner principale per lo strumento radar.

«Lo spazio rappresenta un importante volano per l’economia ed è per questa ragione che come Governo, durante la ministeriale ESA di Siviglia, ci siamo impegnati a garantire una forte presenza dell'industria italiana e degli investimenti nel campo dell'osservazione della Terra. La firma dei contratti per ROSE-L conferma il valore del nostro approccio e garantisce importanti margini di crescita non solo per l'Italia ma anche per l'Europa”. Lo ha detto, durante la cerimonia di firma del contratto per la realizzazione dei satelliti ROSE-L che si è tenuta a Palazzo Chigi, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro. «Siamo molto onorati di ospitare a Palazzo Chigi questa importante firma, pietra angolare nella cornice del nuovo satellite Copernicus. Il Governo – ha aggiunto Fraccaro - ha sempre creduto e sostenuto Copernicus e le sue Sentinelle perché rappresentano un ambizioso programma di Osservazione della Terra. Le sei missioni ad alta priorità saranno un elemento chiave per affrontare la politica dell'Unione europea e le esigenze dei cittadini, ampliando le attuali capacità della componente spaziale di Copernicus».

ROSE-L è un satellite stabilizzato su 3 assi e basato sulla nuova Piattaforma multi-missione (MILA) prodotta da Thales Alenia Space. Il satellite avrà a bordo il radar ad Apertura Sintetica (SAR) in banda L dedicato al monitoraggio giorno-notte di territori, ghiacci e oceani con tempo di rivisitazione notevolmente migliorato. Rose L è inoltre dotato di un’antenna planare realizzata con 5 pannelli dispiegabili e di un set di tre telecamere, per monitorare i movimenti del radar e dei pannelli solari.

«ROSE-L rappresenta la prima missione europea a imbarcare un sensore radar in banda L cheinsieme alle altre 5 missioni High Priority Candidate Missions, amplierà il portafoglio dati di Copernicus, rendendo il Programma di Osservazione della Terra dell’Unione Europea il più complesso e completo a livello mondiale – ha dichiarato il presidente dell’ASI, Giorgio Saccoccia nel corso della cerimonia. Grazie agli investimenti fatti dall’ASI e dall’Italia negli ultimi 25 anni, le industrie italiane e la comunità scientifica hanno acquisito delle competenze e un'esperienza nella tecnologia radar, che consentono all'Italia di essere oggi uno dei paesi più avanzati a livello europeo e mondiale. Con ROSE-L l’Italia e la Germania hanno l’opportunità di replicare la storia di successo conseguita con Sentinel-1 a beneficio di tutta l’Europa.»

 

Il satellite potrà essere utilizzato sia per il monitoraggio del territorio sia per la gestione delle emergenze. Le applicazioni previste per la missione sono: mappatura della copertura e dell’umidità del suolo, identificazione del tipo di coltivazione e discriminazione del suo stato, tipo di foresta / copertura forestale (a sostegno della valutazione della biomassa), sicurezza alimentare e supporto all’implementazione della agricoltura di precisione, sorveglianza marittima e individuazione di rischi naturali e antropici.

«Thales Alenia Space farà tesoro della sua comprovata esperienza nei programmi di osservazione radar della Terra per contribuire a questa nuova sfidante missione – ha dichiarato Massimo Comparini, amministratore delegato di Thales Alenia Space Italia - ROSE-L fornirà capacità di imaging radar ben oltre quella fornita da Sentinel-1 e pertanto rappresenta un’opportunità per aumentare la copertura a livello europeo e mondiale, riducendo gli intervalli di tempo tra le immagini radar consecutive».

La missione contribuirà inoltre al monitoraggio operativo della criosfera e delle regioni polari includendo la mappatura dei ghiacci marini e dei ghiacci terrestri. Altre applicazioni emergenti saranno rese possibili dalle osservazioni sinergiche e complementari con i sistemi di ricerca e soccorso (SAR) in banda C e in banda X.

Copernicus è il programma di punta del sistema di Osservazione satellitare della Terra della Commissione Europea e anche una pietra miliare delle attività dell’Agenzia Spaziale Europea nel campo, ampiamente supportato dall’Agenzia Spaziale Italiana. Fornirà dati di osservazione per la protezione ambientale, per il monitoraggio del clima, per la valutazione dei disastri naturali e per altri compiti sociali.

 

 

 

 

‣ News

GIOVEDÌ 22 APRILE 2021

PRISMA celebra la Giornata della Terra ‣

In occasione dell'evento l'ASI pubblica una serie di immagini catturate dal sensore iperspettrale del satellite italiano MORE...

GIOVEDÌ 15 APRILE 2021

L’Ambasciata d’Italia in Argentina celebra la Giornata della Ricerca Italiana nel Mondo ‣

L'evento è dedicato alla cooperazione nelle tecnologie spaziali tra i due Paesi. Live sul canale Youtube dell'Ambasciata MORE...

MARTEDÌ 13 APRILE 2021

Hyperspectral Remote Sensing Workshop 2021: PRISMA Mission and beyond, al via la prima giornata ‣

Il 13 e 14 aprile in ASI. Guarda il video della sessione introduttiva MORE...

MARTEDÌ 30 MARZO 2021

Satelliti in prima linea per la tutela della Pineta di Castelfusano ‣

Il progetto sperimentale prevede l’utilizzo dei satelliti di Osservazione della Terra Copernicus, PRISMA e Athena Fidus per le telecomunicazioni MORE...

MERCOLEDÌ 17 MARZO 2021

Workshop di consultazione della comunità scientifico/applicativa sulla missione ESA NGGM/MAGIC – la sintesi ‣

Dopo l’esperienza di GOCE, l’Agenzia Spaziale Europea ha recentemente approvato uno studio di fattibilità per una nuova missione di gravità, denominata NGGM “NextGeneration Gravity Mission” (nota anche come MAGIC - Mass-change and Geosciences International Constellation), da realizzare in collaborazione con la NASA.

L'obiettivo della missione è il monitoraggio a lungo termine delle variazioni temporali del campo gravitazionale terrestre ad alta risoluzione temporale (fino a 3 giorni) e spaziale (100 km), abilitando in questo modo lo sviluppo di nuove attività scientifiche e applicative nei settori dell'idrologia, della criosfera, dell'oceanografia, della Terra solida e del cambiamento climatico.

In tale contesto l’ASI ha voluto riunire i vari soggetti interessati organizzando un evento nazionale per presentare le caratteristiche della missione, favorire il dialogo tra il comparto industriale e il mondo accademico, raccogliere prospettive e idee innovative per il rafforzamento, la crescita e la valorizzazione delle eccellenze dell’industria e della ricerca italiana del settore.

L’agenda del workshop è reperibile al seguente link

La sintesi del Workshop è invece scaricabile da questo link

Dai link sottostanti è infine possibile scaricare tutte le presentazioni mostrate durante l’evento, incluso un contributo ricevuto a valle del workshop relativo alla validazione a terra delle misure satellitari.

Presentazione 1 Presentazione 2 Presentazione 3 Presentazione 4 Presentazione 5 Presentazione 6 Presentazione 7 Presentazione 8 Presentazione 9 Presentazione 10 Presentazione 11