L'evento digitale al quale hanno partecipato ASI, Prima, CNR e Università Bicocca nella giornata del 21 ottobre

22 Ottobre 2020

Dopo il successo della Settimana dello Spazio a inizio ottobre, l’Italia è stata di nuovo protagonista di un evento digitale globale organizzato da Expo 2020 Dubai: si tratta della “Climate and Biodiversity Week”, iniziata il 19 ottobre e dedicata ai temi alla tutela della biodiversità e al cambiamento climatico nonché alle loro importanti ricadute sulla vita di tutti i giorni.

L’evento digitale - visibile anche sul canale YouTube di Expo 2020 Dubai - riunisce esperti da tutto il mondo e offre un’anticipazione delle iniziative che tra dodici mesi si terranno in molti degli oltre 190 Padiglioni nazionali nel corso della settimana tematica dedicata all’Esposizione Universale, al via il primo ottobre del 2021.

Lo scorso 21 ottobre l’Italia ha preso parte all’iniziativa con uno spazio ricco di contributi originali. A partecipare sono stati: Paolo Galli, docente ordinario di Ecologia presso il Dipartimento di Scienze Ambientali presso l’Università degli studi di Milano-Bicocca e Direttore del MaRHE Center, che ha analizzato la cooperazione internazionale a protezione della barriera corallina nelle Maldive;

Giorgio Saccoccia, presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) che ha presentato PRISMA, un innovativo satellite Made in Italy in grado di distinguere la composizione chimico-fisica della superficie terrestre;

Giovanni Giuseppe Vendramin, Direttore dell'Istituto di Bioscienze e BioRisorse (Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR) che ha illustrato un approfondimento sugli strumenti molecolari fondamentali per monitorare il modo in cui gli alberi delle foreste affrontano i cambiamenti climatici; Angelo Riccaboni, Presidente Fondazione PRIMA che ha analizzato le sfide che i cambiamenti climatici pongono all’agrifood in Italia e in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Nel corso dell'evento, il presidente ASI Giorgio Saccoccia ha dichiarato: "L'anno scorso, l'Agenzia Spaziale Italiana ha lanciato un innovativo satellite di osservazione della Terra chiamato PRISMA, che fornisce un valido aiuto nella ricerca in settori come il monitoraggio ambientale, la gestione delle risorse e il controllo dell'inquinamento. In Italia, riteniamo che la cooperazione internazionale sia essenziale per mitigare il effetti del cambiamento climatico e, per questo motivo, abbiamo reso i dati raccolti da PRISMA accessibili a tutti, gratuitamente".

 

 

‣ News

LUNEDÌ 02 AGOSTO 2021

Countdown per Venere. Solar Orbiter si prepara al secondo flyby ‣

La missione effettuerà il prossimo rendez-vous con il pianeta il 9 agosto. Intanto arrivano nuovi risultati scientifici sulla corona solare grazie a Metis, uno degli strumenti italiani a bordo di Solar Orbiter, realizzato con il contributo di ASI, INAF e le Università di Firenze e Padova MORE...

MERCOLEDÌ 21 LUGLIO 2021

Spazio e trasporti, il punto della situazione sui viaggi del futuro tra Agenzia Spaziale Italiana e Autorità di regolazione dei trasporti ‣

Confronto tra ASI e ART sulle prospettive future dei trasporti attraverso i voli suborbitali e spaziali MORE...

MARTEDÌ 20 LUGLIO 2021

Scienza e ricerca spaziale a confronto in ASI ‣

L’incontro è stata l’occasione per presentare le attività di collaborazione e coordinamento tra ASI, università ed enti di ricerca MORE...

VENERDÌ 16 LUGLIO 2021

Dawn e Vesta, dieci anni dal primo incontro ‣

La missione della NASA, a cui l’Italia ha dato un importante contributo con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), festeggia il decimo anniversario dal suo sorvolo sull’asteroide MORE...

LUNEDÌ 12 LUGLIO 2021

LICIACube è pronto per la prima missione di difesa planetaria ‣

Scatti fotografici ad alta risoluzione per il MicroSat italiano, realizzato da Argotec e ASI, che volerà con la NASA alla volta di un asteroide MORE...