L’Agenzia Spaziale Italiana e la società MBI oggi a Lajatico (Pi) hanno sperimentato per la prima volta in Italia l’utilizzo di un payload SAT AIS imbarcato su pallone stratosferico

06 Luglio 2019

Il sistema di identificazione automatica AIS, Automatic Identification System, è utilizzato nell’ambito della “sorveglianza marittima” per fornire alle Autorità di controllo il tracciamento delle navi e delle imbarcazioni presenti in mare fornendo alcuni dati come, ad esempio, la loro identificazione, la tipologia di imbarcazione, la posizione, la velocità e la rotta seguita.

Le stazioni di ricezione dei segnali AIS inviati dalle imbarcazioni si trovano lungo le coste dei paesi che si affacciano sul mare. Il raggio di azione del ricevitore AIS è relativamente limitato ed a distanze oltre la “portata ottica” le imbarcazioni non sono più tracciate. L’utilizzo di ricevitori AIS imbarcati su satelliti o palloni stratosferici permette di ampliare in maniera notevole il raggio di azione del monitoraggio.

I ricevitori SAT AIS sono generalmente imbarcati su satelliti di piccole dimensioni. La collaborazione tra l’ASI e la società MBI di Pisa ha permesso di effettuare il primo lancio di pallone stratosferico con a bordo un ricevitore SAT AIS. Lo scopo della sperimentazione era quello di verificare le capacità di ricezione del segnale AIS tramite apparati a bordo di palloni stratosferici.

Il pallone si è innalzato fino a 27 Km di quota e ha avuto in visibilità un lungo tratto delle coste toscane e delle isole prospicienti.

Dopo un volo durato alcune ore il paylaod a bordo è stato recuperato. I dati registrati a bordo verranno inviati alla Marina Militare che possiede una rete costiera di ricevitori AIS.

La società MBI ha sede a Pisa e si occupa principalmente di telecomunicazioni satellitari. Collabora da tempo con l’Agenzia Spaziale Italiana su tematiche di telecomunicazioni satellitari ad alte frequenze.

Alla sperimentazione ha assistito il Col. Aniello Violetti, Vice Capo dell’Ufficio Generale per lo spazio dell’Aeronautica Militare, responsabile delle attività aerospaziali della Forza Armata. Per l’ASI era presente l’Ing. Giuseppe Codispoti dell’Unità di Telecomunicazioni e Navigazione.

L'immagine in alto è stata catturata con la camera a bordo del payload a 27 km di quota.

‣ News

MARTEDÌ 30 MARZO 2021

Satelliti in prima linea per la tutela della Pineta di Castelfusano ‣

Il progetto sperimentale prevede l’utilizzo dei satelliti di Osservazione della Terra Copernicus, PRISMA e Athena Fidus per le telecomunicazioni MORE...

MERCOLEDÌ 17 MARZO 2021

Workshop di consultazione della comunità scientifico/applicativa sulla missione ESA NGGM/MAGIC – la sintesi ‣

Dopo l’esperienza di GOCE, l’Agenzia Spaziale Europea ha recentemente approvato uno studio di fattibilità per una nuova missione di gravità, denominata NGGM “NextGeneration Gravity Mission” (nota anche come MAGIC - Mass-change and Geosciences International Constellation), da realizzare in collaborazione con la NASA.

L'obiettivo della missione è il monitoraggio a lungo termine delle variazioni temporali del campo gravitazionale terrestre ad alta risoluzione temporale (fino a 3 giorni) e spaziale (100 km), abilitando in questo modo lo sviluppo di nuove attività scientifiche e applicative nei settori dell'idrologia, della criosfera, dell'oceanografia, della Terra solida e del cambiamento climatico.

In tale contesto l’ASI ha voluto riunire i vari soggetti interessati organizzando un evento nazionale per presentare le caratteristiche della missione, favorire il dialogo tra il comparto industriale e il mondo accademico, raccogliere prospettive e idee innovative per il rafforzamento, la crescita e la valorizzazione delle eccellenze dell’industria e della ricerca italiana del settore.

L’agenda del workshop è reperibile al seguente link

La sintesi del Workshop è invece scaricabile da questo link

Dai link sottostanti è infine possibile scaricare tutte le presentazioni mostrate durante l’evento, incluso un contributo ricevuto a valle del workshop relativo alla validazione a terra delle misure satellitari.

Presentazione 1 Presentazione 2 Presentazione 3 Presentazione 4 Presentazione 5 Presentazione 6 Presentazione 7 Presentazione 8 Presentazione 9 Presentazione 10 Presentazione 11

LUNEDÌ 08 MARZO 2021

Emergenza Messico: l’aiuto dei dati satellitari ‣

Un nuovo studio, condotto dai ricercatori dell'ASI, ha indagato gli impatti ambientali che l'incremento della popolazione e la conseguente domanda di acqua potabile stanno comportando nelle città messicane MORE...

VENERDÌ 26 FEBBRAIO 2021

PRISMA OSSERVA L’ERUZIONE DELL’ETNA ‣

L'immagine catturata il 24 febbraio mostra il vulcano in tutta la sua magnificenza MORE...

GIOVEDÌ 18 FEBBRAIO 2021

Lo sguardo di COSMO-SkyMed sulla Casa Bianca ‣

Acquisizione effettuata da COSMO-SkyMed seconda generazione MORE...