L'Imaging X-ray Polarimetry Explorer (IXPE) è una missione in sviluppo che fa parte del programma spaziale SMEX (Small Explorer) della NASA, il cui Principal Investigator è il Dr. Martin Weisskopf del NASA/Marshall Space Flight Center (MSFC) ad Huntsville in Alabama. IXPE porterà a bordo 3 telescopi con rivelatori in grado di misurare la polarizzazione nei raggi X emessi da sorgenti astronomiche, con una sensibilità di due ordini di grandezza migliori del polarimetro nei raggi X a bordo di Orbiting Solar Observatory (OSO-8), una missione operativa tra fine anni '60 e inizio anni '70. I rivelatori sono sviluppati da un team di scienziati dell'INFN e dell’INAF, con il finanziamento dell’Agenzia Spaziale Italiana. Il team italiano ha una lunga esperienza in rivelatori per misure di polarizzazione nei raggi X, dato che ci ha lavorato fin dagli anni '70.

Gli specchi ad incidenza radente dei telescopi sono invece sviluppati presso il NASA/MSFC da un team guidato dal Dr. Brian Ramsey. Infine, il veicolo e l’integrazione del satellite sono sotto la responsabilità della Ball Aerospace, con sede a Broomfield in Colorado. Il satellite sarà lanciato a dicembre 2021 con il vettore Falcon 9 dal Launch Complex 39A in Florida e avrà un’orbita circolare a 540 km di altezza e 0 gradi d’inclinazione.

Durante i primi due anni di missione, IXPE aprirà una nuova 'finestra' astrofisica. I principali target della missione saranno nuclei galattici attivi (AGN), microquasars, pulsar e pulsar wind nebulae, magnetar, binarie nei raggi X, resti di supernova e centro galattico. IXPE fornirà misure contemporanee di polarizzazione, variabilità, spettrali e immagini, permettendo così di studiare la geometria e i processi fisici di emissione di radiazione e accelerazione di particelle, in ambienti con campi magnetici e gravitazionali estremi.

‣ News

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2023

Il Sesto Convegno nazionale della Collaborazione Euclid Italia 2023 ‣

In programma presso la sede dell'Agenzia Spaziale Italiana dal 19 al 20 Gennaio 2023 MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

La scienza di LICIACube in primo piano ‣

Il team di ricercatori della missione LICIACube protagonista al convegno dell’American Geophysical Union MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

ASI e INAF in prima linea contro il rischi di impattori imminenti ‣

Esperimento di "risposta rapida" effettuato nell'ambito del progetto NEOROCKS MORE...

GIOVEDÌ 22 DICEMBRE 2022

Vela, una pulsar al limite (della polarizzazione) ‣

La missione IXPE, frutto di una collaborazione tra NASA e ASI, ha osservato una particolare pulsar nella costellazione della Vela. Studio su Nature MORE...