L'ASI partecipa al progetto finanziato nell'ambito del programma H2020 dell'Unione Europea e coordinato da INAF

02 Novembre 2022

Il progetto NEOROCKS (NEO Rapid Observation, Characterization and Key Simulations) è finanziato nell’ambito del programma H2020 dell’Unione Europea e coordinato dall’INAF, con una significativa partecipazione dell’ASI. Scopo principale del progetto è la caratterizzazione fisica dei NEO (Near-Earth Objects): conoscere non solo le dimensioni ma anche la composizione e la struttura interna di un asteroide è infatti essenziale se si vogliono valutare i potenziali danni. Alle ormai consolidate attività di scoperta e catalogazione orbitale dei NEO è dunque necessario affiancare con uguale impegno la loro caratterizzazione fisica.

Per questo i “Neorockers”, provenienti da istituzioni e industrie di 8 paesi europei, condividono la loro esperienza nelle osservazioni astronomiche e nell’analisi dati, nella implementazione di sistemi SW e banche dati, allo scopo di indicare la strada verso un futuro sistema integrato di difesa planetaria. Nonostante un inizio difficile, che ha coinciso con l’emergenza pandemica e la chiusura degli osservatori, il progetto ha appena superato con successo il primo periodo di reporting e si avvia verso la fase finale, che prevede la migrazione del portale tecnico del progetto all’interno dello Space Science Data Center dell’ASI, dotandolo così di un importante asset. I Neorockers si sono dedicati anche a un’intensa attività di disseminazione e di divulgazione scientifica pubblicando newsletters, notizie e video sul sito del progetto, con una particolare attenzione ai più piccoli cui sono dedicate le sezioni NEOROCKS4kids.

Immagine in apertura: il logo NEOROCKS rende omaggio alle tecniche astronomiche che consentono di comprendere la composizione degli asteroidi analizzando la luce riflessa dalle loro superfici.

 

Link al sito del progetto

 

Link alla sezione NEOROCKS 4 kids

‣ News

MARTEDÌ 31 GENNAIO 2023

“LICIACube, fotografa di asteroidi”, premiate le scuole vincitrici del concorso ‣

Oltre cento le proposte provenienti dai ragazzi delle scuole primarie MORE...

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2023

Il Sesto Convegno nazionale della Collaborazione Euclid Italia 2023 ‣

In programma presso la sede dell'Agenzia Spaziale Italiana dal 19 al 20 Gennaio 2023 MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

La scienza di LICIACube in primo piano ‣

Il team di ricercatori della missione LICIACube protagonista al convegno dell’American Geophysical Union MORE...

VENERDÌ 23 DICEMBRE 2022

ASI e INAF in prima linea contro il rischi di impattori imminenti ‣

Esperimento di "risposta rapida" effettuato nell'ambito del progetto NEOROCKS MORE...