Il satellite, installato sulla piattaforma LARES System, si appresta a lasciare l’Italia per raggiungere la base europea della Guyana Francese dove, a bordo del volo inaugurale del lanciatore ESA VEGA C, sarà messo in orbita

25 Marzo 2022

Il 23 e il 24 marzo 2022 si è tenuta nella sede di OHB Italia - a Milano - la Pre-Shipment Review, nel corso della quale l’Agenzia Spaziale Italiana ha verificato lo stato del Sistema LARES2 e ne ha autorizzato la spedizione presso il sito di lancio, lo spazioporto europeo di Kourou in Guyana Francese.

Il Sistema LARES2, sviluppato da OHB Italia, sotto la guida e il coordinamento dell’ASI, sarà il primo passeggero del nuovo lanciatore europeo VEGA C realizzato da AVIO, al suo volo inaugurale previsto per il maggio 2022.

La piattaforma, LARES System, alloggia diversi satelliti ed equipaggiamenti, comprensiva di complessi meccanismi di ritegno e rilascio che mantengono bloccati i diversi carichi ospitati durante le fasi di lancio e li rilasciano una volta in orbita. Al centro del Sistema campeggia il satellite LARES2 (LAser RElativity Satellite 2) di ASI, concepito e progettato dal team scientifico del Centro Fermi e La Sapienza Università di Roma e realizzato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Si tratta di un satellite passivo di forma sferica realizzato in lega di nickel ad alta densità (424 mm di diametro e 300 kg di massa), su cui sono stati installati 303 retroriflettori CCR che lo rendono un perfetto bersaglio riflettente per l’ILRS (International Laser Ranging Service). Grazie alle misurazioni con il laser, la sua orbita verrà tracciata con grande accuratezza e permetterà di verificare sperimentalmente alcuni aspetti relativistici teoricamente predetti da Einstein, ma anche di effettuare misure nell’ambito della geodesia spaziale.

I carichi secondari sono 6 piccoli satelliti della taglia dei Cubesats, selezionati da ESA e realizzati da enti di ricerca europei, tra cui 3 italiani: Astrobio e Greencube, realizzati rispettivamente da Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e Sapienza Università di Roma ancora per ASI, e Alpha di ArcaDynamics.

Inoltre, durante il lancio, una serie di sensori e una camera, alloggiati sul LARES System, saranno utilizzati per monitorare le condizioni e sollecitazioni a cui è sottoposto questo primo passeggero di VEGA C, dati che diventeranno di riferimento per i passeggeri successivi del lanciatore ESA, ma realizzato in Italia da AVIO.

Il sistema LARES2 segue in orbita il LARES, sviluppato per ASI sempre da OHB Italia, lanciato esattamente 10 anni fa e tutt’oggi operativo. Lungo questo arco temporale ha fornito una grande mole di dati scientifici e consentito di raggiungere risultati di grande interesse. I dati che saranno acquisiti mediante LARES2 e che si andranno ad unire a quelli dei suoi predecessori, consentiranno investigazioni scientifiche con una precisione ulteriore e senza precedenti.

OHB Italia S.p.A. è una società parte del Gruppo spaziale europeo OHB SE (Orbi-tale Hoch Technologie Bremen) ed è attualmente impegnata in importanti missioni per l’ASI e per l'ESA che rappresentano anche i principali clienti, unitamente a Istituti di Ricerca, poli universitari e tutti i principali players aerospaziali, con speciale attenzione al mercato dell’export.

La scheda tecnica di LARES2

Il logo di LARES2

Crediti immagine: ASI - OHB Italia 

‣ News

GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2023

Torna in ASI ‘Spazio Cinema’ con le prime due puntate di Spazio 1999 ‣

Un ritorno al passato per pensare al futuro. Il 3 febbraio alle ore 20:15 la versione restaurata della serie cult alla presenza del presidente dell’ASI Giorgio Saccoccia, dell’amministratore delegato della Thales Alenia Space Massimo Comparini e del critico e regista Marco Spagnoli MORE...

MARTEDÌ 24 GENNAIO 2023

La più accurata mappa vulcanica del satellite gioviano Io ‣

Grazie ai dati raccolti dallo strumento JIRAM a bordo della missione NASA Juno, un team di ricerca a guida INAF ha identificato 242 “hot spot”, ovvero zone calde che indicano la presenza di vulcani, di cui 23 non osservati precedentemente sul satellite più interno di Giove. I dati indicano una maggiore concentrazione di punti vulcanici caldi nelle regioni polari rispetto alle latitudini intermedie. Si tratta della mappatura migliore mai ottenuta da remoto MORE...

LUNEDÌ 23 GENNAIO 2023

Firmati i contratti tra l’ASI e Leonardo per i payload delle prossime missioni PLATiNO per l’osservazione della Terra con minisatelliti ‣

L’Agenzia Spaziale Italiana  ha siglato con Leonardo due contratti dal valore totale di circa 33 milioni di euro per lo sviluppo e realizzazione della camera ad alta risoluzione di PLATiNO 3 e della camera iperspettrale di PLATiNO 4 MORE...

LUNEDÌ 23 GENNAIO 2023

Siglato Protocollo d’intesa tra Italia e Algeria per la cooperazione nel settore delle attività spaziali per scopi pacifici ‣

A firmare il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Giorgio Saccoccia e il direttore generale dell’Agenzia Spaziale Algerina Azzedine Oussedik MORE...

VENERDÌ 20 GENNAIO 2023

Il satellite Juice lascia l’Europa ‣

A bordo importanti strumenti finanziati e sviluppati sotto la guida dell’ASI. Per la sonda dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Italiana ha messo in campo una grande attività di collaborazione con enti, industrie e anche con altre agenzie spaziali nazionali MORE...