Le nuove misure acquisite dall’esperimento forniscono ulteriori dati sulla nostra comprensione delle proprietà dei raggi cosmici. Lo studio è stato condotto da un team di cui fanno parte ricercatori di ASI e INFN

29 Gennaio 2021

Un lavoro inarrestabile quello dell’Alpha Magnetic Spectrometer(AMS-02), che, dal 2011, continua lo studio dei raggi cosmici a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

La collaborazione scientifica all’esperimento ha recentemente pubblicato su Physical Review Letters i risultati di una nuova misura, ad oggi la più precisa, del flusso di raggi cosmici di Ferro.

La misura, basata sull’analisi di circa 600 mila nuclei di Ferro raccolti da AMS-02 durante i primi 8,5 anni di operazioni, rappresenta un traguardo importante per consolidare la nostra comprensione sulle origini e sulla propagazione delle particelle cosmiche.

I risultati dello studio sono frutto della campagna di misurazione dei flussi della componente nucleare dei raggi cosmici che AMS-02 ha condotto sin dal 2015. La campagna è stata svolta misurando prima le specie più leggere ed abbondanti, come i nuclei di Idrogeno e Elio, per poi spostarsi nella misurazione del gruppo di elementi leggeri dal Litio all’Ossigeno, e infine con la recente misura del flusso di Neon, Magnesio e Silicio nel 2020.

“La misura del flusso di Ferro da parte di AMS-02 continua la serie di misure di precisione, cioè con un’accuratezza dell’ordine di alcuni percento, delle componenti nucleari dei raggi cosmici” – riporta Alberto Oliva, ricercatore INFN della sezione di Bologna e coautore della pubblicazione – “il Ferro è l’elemento più pesante prodotto nelle reazioni di fusione delle stelle. La sua misura nei raggi cosmici da informazioni importanti sui luoghi di produzione e accelerazione dei raggi cosmici. Inoltre, il Ferro, nel suo viaggio all’interno della galassia, interagisce molto più con il materiale circostante rispetto alle specie più leggere. La misura del Ferro quindi fornisce anche nuove informazioni sulle propagazioni dei raggi cosmici nella galassia.”

I risultati ottenuti da AMS-02 mostrano infatti una nuova caratteristica nei raggi cosmici, emersa grazie alla precisione senza precedenti della misurazione: il flusso di Ferro ad alte energie ha una dipendenza in energia che è molto più simile a quella dei raggi cosmici più “leggeri” quali Elio, Carbonio e Ossigeno che a quella dei raggi cosmici “pesanti” quali Neon, Magnesio e Silicio. I dati di AMS-02 sono adesso a disposizione della comunità scientifica, accessibili anche attraverso il Cosmic Ray Database del Space Science Data Center di ASI.

“Questa misura aggiunge nuove informazioni che i ricercatori potranno utilizzare per consolidare o riformulare i modelli di accelerazione e propagazione dei raggi cosmici” - continua Valerio Vagelli, Project Scientist di ASI per AMS e coautore della pubblicazione – “Il risultato è stato possibile anche grazie al contributo dei ricercatori italiani dell’INFN e alla partecipazione di ASI. Ma la campagna di misure di AMS-02 non si chiude qui. La collaborazione AMS sta continuando ad analizzare i dati raccolti, da un lato per estendere le misure includendo raggi cosmici più leggeri ma meno abbondanti del Ferro, dall’altro per studiarne la dipendenza temporale e la loro correlazione con l’attività solare. Siamo confidenti che la precisione con cui AMS può effettuare queste misure porterà nuovi risultati inattesi, sulle basi dei quali potremo ulteriormente migliorare la nostra comprensione dei raggi cosmici”.

AMS è una missione sponsorizzata da NASA e DOE (US), in operazione sulla ISS da Maggio 2011, e a cui l’Italia partecipa con il supporto di ASI e ricercatori dell’Università e delle Sezioni INFN di Bologna, Milano Bicocca, Perugia, Roma Sapienza, Roma Tor Vergata, Pisa, Trento e di ASI.

I risultati dello studio sono disponibili qui.

 

‣ News

MARTEDÌ 19 LUGLIO 2022

AGILE, pubblicato il primo studio sul “GRB di Capodanno” ‣

Venerdì 15 Luglio 2022 è stato pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal il primo studio dettagliato sul Gamma-Ray Burst (GRB) rilevato l'1 Gennaio 2022, il più energetico ad oggi osservato MORE...

LUNEDÌ 11 LUGLIO 2022

Fermi-LAT ha rilasciato la terza release del catalogo 4FGL ‣

La terza release del catalogo 4FGL (4FGL-DR3) copre 12 anni di dati raccolti dal Large Area Telescope (LAT) a bordo del Femi Gamma Space Telescope MORE...

VENERDÌ 17 GIUGNO 2022

I campioni dell’asteroide Ryugu verranno studiati anche in Italia ‣

Verrà analizzata in Italia una parte dei campioni di materiale dell’asteroide Ryugu, prelevato e riportato sulla Terra dalla missione Hayabusa 2 dell’Agenzia spaziale giapponese JAXA. MORE...

MERCOLEDÌ 01 GIUGNO 2022

LICIACUBE, dati archiviati e valorizzati da ASI-SSDC ‣

Il ruolo di ASI comprende anche la gestione e disseminazione dei dati, tramite  lo Scientific Operations Center  effettuata grazie alla grande esperienza dello Space Science Data Center MORE...

MARTEDÌ 10 MAGGIO 2022

La popolazione emergente di radiogalassie nel cielo gamma di INTEGRAL e Fermi ‣

Studiata in dettaglio la radiogalassia IGR J18249-3243 MORE...