Visita del Sottosegretario di Stato Ministero della Difesa, on Angelo Tofalo in Agenzia Spaziale Italiana. Un incontro istituzionale importante che mette in luce un universo di interessi comuni e di ampia collaborazione tra i due enti.

07 Settembre 2020

Accolto dal presidente dell’ASI, Giorgio Saccoccia, il Sottosegretario di Stato, Angelo Tofalo, ha avuto l'occasione di approfondire tutto sul mondo dello spazio, dell’ASI e in particolare delle strette relazioni di attività comuni tra il ministero della Difesa e l’Agenzia. L'appuntamento oltre che occasione per ricordare tutti i campi di applicazione nei quali ci sono storiche e fondamentali collaborazioni, ha rappresentato anche il momento per aprire nuovi fronti di lavoro comune.

«Lo Spazio ci mette di fronte a tante sfide e altrettante opportunità, oltre che ad essere volano di sviluppo economico e motore di innovazione per il sistema-Paese. Investire in questo settore vuol dire investire nella crescita nazionale ed offrire maggiori benefici alla popolazione in molteplici ambiti, dall’osservazione della Terra all’ambiente e anche in materia di Difesa», ha ricordato il Sottosegretario Angelo Tofalo durante la visita all’Agenzia Spaziale Italiana. «Lo Spazio rappresenta il dominio del presente e del futuro. Oggi il settore è in grande crescita e l’Italia è attiva e presente con un ruolo da protagonista».

Il presidente Giorgio Saccoccia ha presentato al suo interlocutore istituzionale una panoramica delle attività che coinvolgono Difesa e Agenzia, per far conoscere meglio i diversi settori di intervento che riguardano l'osservazione della terra, le telecomunicazioni e la navigazione satellitare, la sorveglianza spaziale, il volo umano e la microgravità, i lanciatori, il volo suborbitale e ipersonico e, ovviamente, i programmi duali. Inoltre il presidente Saccoccia ha ricordato le origini spaziali italiane, nate proprio grazie alla Difesa, con il generale Luigi Broglio, con il quale ha avuto inizio una avventura che ha portato l'Italia ai vertici mondiali.

Per Tofalo «queste eccellenze tecnologiche nazionali, veri e propri fiori all’occhiello, devono essere difese e sostenute anche attraverso programmi di ricerca e sviluppo e soprattutto stimolando l’integrazione tra tutti i soggetti in campo. L’industria aerospaziale italiana rappresenta, infatti, un segmento fondamentale del Paese nel settore civile e in quello militare. L’Italia ha una storia di grande successo in materia di Spazio, non ultimo il recente lancio dalla base europea di Korou del razzo europeo Vega, costruito in Italia da Avio, che è stato anche l’esordio del nuovo sistema di distribuzione di satelliti dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA)”. Inoltre ha sottolineato che «Il Comitato interministeriale per le politiche relative allo Spazio e alla ricerca spaziale (Comint) sta portando avanti un grande lavoro che assicura una forte spinta alla governance nazionale in materia di spazio ed aerospazio, soprattutto in un momento di emergenza sanitaria così delicato. Nell’ottica di una sempre maggiore crescita del Paese, ritengo determinante coinvolgere, a tutti i livelli, i principali stakeholder impegnati in questo settore».

In particolare, per quanto riguarda la Difesa, Tofalo evidenzia «il grande coinvolgimento nel settore spaziale che vede oggi il Dicastero tra i principali interlocutori dell’ASI. In tale ottica, stiamo investendo molte risorse nella realizzazione del Comando per le Operazioni Spaziali (Cos) che ci consentirà di guardare al futuro e portare avanti progetti congiunti importanti per il Paese, il tutto grazie all’imponente lavoro portato avanti dall’Ufficio Generale Spazio dello Stato Maggiore della Difesa».

«La visita odierna è stata un’importante occasione per rinnovare la sinergia tra Asi e Ministero della difesa. Due mondi, lo spazio e la difesa, - ha sottolineato il numero uno dell’ASI, Giorgio Saccoccia - strettamente collegati tra di loro sin dalla nascita delle attività spaziali italiane.  Molteplici sono le aree d’interesse comune tra i due enti a partire dall’osservazione della Terra, la navigazione, le telecomunicazioni, il trasporto e l’esplorazione spaziale e numerose sono le prospettive che si aprono in futuro di sviluppare progetti congiunti, d’intesa con il Comint, con importanti ricadute per la crescita di tutto il comparto aerospaziale».

La delegazione era composta oltre che dal presidente Saccoccia, dal direttore generale ad interim, Fabrizio Tosone e numerosi capi unità in rappresentanza delle complesse attività che si svolgono in ASI.

‣ News

LUNEDÌ 23 NOVEMBRE 2020

Il radar RIME pronto per JUICE ‣

Il radar RIME, commissionato da ASI  alla Thales Alenia Space, è stato consegnato alla società tedesca AirbusSpace che lo integrerà sulla sonda Juice dell'ESA per studiare Giove e le sue lune ghiacciate MORE...

LUNEDÌ 23 NOVEMBRE 2020

NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI 2020 ‣

Online nello spazio e sulla Luna per vivere suggestive emozioni con l’Agenzia Spaziale Italiana e l’Agenzia Spaziale Europea MORE...

GIOVEDÌ 19 NOVEMBRE 2020

Va in scena il National Geographic Festival delle Scienze ‣

Presentata oggi la XV edizione del Festival, realizzato con la partecipazione di ASI, INFN e National Geographic, con il contributo di Biblioteche di Roma. La manifestazione si svilupperà dal 23 al 29 novembre sui canali social dell'Auditorium Parco della Musica e sul sito del National Geographic

MORE...

VENERDÌ 13 NOVEMBRE 2020

La Terra dallo spazio sotto la lente europea ‣

L’ESA sigla tre contratti per lo sviluppo delle missioni ambientali del programma europeo Copernicus. L’Italia con Thales Alenia Space avrà un ruolo di primo piano nello sviluppo di CIMR MORE...

GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE 2020

Ariel, l’occhio nello spazio che indagherà le atmosfere degli esopianeti ‣

Entra ufficialmente in fase di realizzazione il telescopio spaziale ESA per lo studio delle atmosfere esoplanetarie, che vanta una importante partecipazione scientifica e tecnologica dell’Italia. Il lancio è previsto nel 2029 MORE...