Un workshop italo-israeliano per far conoscere le relative industrie tra loro, per dare loro il possibile slancio a cooperazioni che mettano a frutto conoscenze scioentifiche e tecnologiche tra loro complementari. In breve i commenti dei due rappresentanti

Così l’Ambasciatore d’Israele in Italia Ofer Sachs durante i discorsi inaugurali dell’Italy-Israel Industry Workshop on Space Technologies.

"Eventi come l’Italy-Israel Industry Workshop on Space Technologies hanno un forte potenziale strategico per sfruttare le sinergie tra le nostre industrie ed ecosistemi di ricerca. Un bilaterale che vede confrontarsi le due agenzie spaziali, le istituzioni e le numerose aziende, costituisce un’occasione unica che riflette gli interessi condivisi e la complementarietà delle rispettive capacità."

"Negli ultimi anni lo Stato d’Israele è stato coinvolto nei progetti internazionali di ricerca spaziale, guadagnandosi una reputazione mondiale grazie ai suoi successi e alle sue applicazioni. L’attività di ricerca del settore spaziale in Israele contribuisce sostanzialmente all’economia del paese e si pone come traino per la ricerca in alcuni settori strategici, dalla sicurezza all’agricoltura, dalla desertificazione e water management alla farmaceutica e sanità. Aree multidisciplinari in cui Israele e Italia vantano ottime potenzialità. Tra queste, l’industria spaziale si configura come uno dei campi in comune in cui la cooperazione concorre al  raggiungimento di importanti obiettivi per l’intera comunità."

Il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia ha dichiarato che:

"L’incontro di oggi è un momento proficuo e determinante per fare il punto dei rapporti spaziali tra Italia e Israele, che si fondano su di  una collaborazione molto lunga, che dall’inizio di questo millennio ha rafforzato le relazioni tra i due paesi. Punto focale di questa relazioni è la realizzazione di Shalom, satellite iperspettrale per l’osservazione della Terra, elemento significativo che ha consolidato ulteriormente le relazioni tra le due agenzie spaziali. "

"La tecnologia iperspettrale che sarà a bordo di Shalom sarà una importante evoluzione del sistema sperimentato recentemente a bordo del satellite dell’ASI, PRISMA, che sta mettendo in luce ogni giorno di più le sue qualità e le sue capacità innovative di attento osservatore del nostro pianeta. Questo per noi è un settore importante di cui siamo leader assoluti al mondo. I legami spaziali che ci uniscono con Israele non si limitano solamente al settore dell’osservazione della Terra ma investono più ambiti. "

"La bilaterale di oggi rappresenta, quindi, un’elevata opportunità per incrementare la conoscenza e il continuo sviluppo anche per le rispettive Piccole e Medie Imprese (PMI), che rappresentano l’ossatura economica delle due nazioni, e che sono una componente essenziale per lo sviluppo tecnologico. Voglio ricordare, inoltre, che l'importanza del settore spaziale come catalizzatore per la crescita del sistema economico nazionale si accentua sempre più così come il suo ruolo per il rafforzamento dei rapporti diplomatici che consento alle aziende di crescere."

‣ News

GIOVEDÌ 28 20 NOVEMBRE19

Consiglio ministeriale dell’ESA: il futuro dei programmi spaziali europei ‣

A Siviglia, in Spagna, i rappresenti istituzionali e i capi agenzie dei paesi che compongono l’Agenzia Spaziale Europea hanno tracciato la rotta verso nuovi orizzonti spaziali dei prossimi anni. Sale la quota del contributo italiano mentre Samantha Cristoforetti tornerà in orbita MORE...

MARTEDÌ 26 20 NOVEMBRE19

A Siviglia il futuro spaziale dell’Europa ‣

L’Europa dello spazio si riunisce a Siviglia. Nei prossimi due giorni, il 27 e 28 novembre il Consiglio dell’Esa (Agenzia spaziale europea) a livello Ministeriale si riunirà nella città spagnola per il consueto appuntamento triennale nel quale verranno decisi investimenti per programmi di sviluppo da 3 a 6 anni di spesa. MORE...

MERCOLEDÌ 20 20 NOVEMBRE19

Oltre i limiti: MAGIC apre una nuova era nell’astronomia gamma ‣

Un lavoro di squadra perfetto, che ha coinvolto telescopi spaziali e sulla Terra nonché centinaia di ricercatori in tutto il mondo, ha permesso di registrare, per la prima volta in assoluto, fotoni di altissima energia emessi da un lampo di raggi gamma, o GRB, il risultato di una potentissima esplosione cosmica, registrato il 14 gennaio 2019. MORE...

MARTEDÌ 24 20 SETTEMBRE19

Un FORUM per guardare il nostro pianeta con occhi nuovi ‣

Sarà un'idea italiana, proposta dal Cnr e dalle Università di Bologna e della Basilicata col supporto di Asi, la IX missione per l’osservazione della Terra che Esa sta preparando con l'obiettivo di migliorare la stima del cambiamento climatico MORE...

GIOVEDÌ 12 20 SETTEMBRE19

L’uomo che comprò la Luna ‣

Commedia d’autore per la chiusura della sezione fantascientifica della rassegna Avvistamenti, il 13 settembre all’Agenzia Spaziale Italiana. L’Auditorium dell’Asi (a questo link il modulo di registrazione per l’accesso nella sede, accesso gratuito come per il resto della manifestazione) ospiterà la serata conclusiva con il film del geniale regista Paolo ZuccaL’uomo che comprò la Luna. Una dimensione favolistica si avventurerà nella conquista spaziale per affrontare in modo inconsueto e divertente i temi dei diritti di proprietà del suolo lunare nella nuova era protesa verso l’esplorazione dello Spazio e la Space economy. Un nuovo modo di coniugare con toni lievi il cinema dell’immaginario e l’attualità più prossima. A commentare il film il critico cinematografico Marco Spagnoli e il prof. Sergio Marchisio, docente di Diritto Internazionale all'Università La Sapienza ed esperto di Diritto Spaziale. La rassegna cinematografica Avvistamenti, alle sue battute conclusive, chiude con un bilancio positivo una carrellata di 17 film per cinque sezioni cinematografiche. Organizzata dalle Biblioteche di Roma, dal VI Municipio del Comune di Roma, dall’Agenzia Spaziale Italiana, si protrarrà fino al 15 settembre con altri due appuntamenti alla Biblioteca Collina della pace e al Teatro Tor Bella Monaca di Roma.