La strada che porta allo spazio passa per il nostro bel Paese.

ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News
ACQUA E CLIMA MARZIANO

Marte ‘scolpito’ dall’acqua

Una nuova ricerca sulle condizioni ambientali del pianeta ipotizza un legame tra cicli climatici e azione erosiva dell’acqua. Lo studio pubblicato su Earth and Planetary Science Letters

Ha lasciato la sua 'firma' sul volto del quarto pianeta del Sistema Solare, dando vita a canyon e ampie vallate. Il singolare 'scultore' è l’acqua, che, associata a marcati cicli climatici, è al centro di una nuova ricerca su Marte.

Lo studio, coordinato dalla Penn State University (USA), è stato illustrato nell’articolo “Climate cycling on early Mars caused by the carbonate–silicate cycle”, pubblicato il 1° dicembre scorso sulla rivista Earth and Planetary Science Letters.

Secondo gli autori, in un’epoca remota della storia del Pianeta Rosso, cicli climatici molto accentuati, scatenati dall’accumulo di gas serra, potrebbero essere l’elemento chiave per comprendere come l’acqua abbia svolto un’azione erosiva sul suolo del corpo celeste. 

Lo scenario prospettato dalla ricerca prevede un antico Marte ricoperto di ghiacci e sottoposto a lunghi periodi di caldo, durati fino a 10 milioni di anni per volta e provocati da una fitta atmosfera di biossido di carbonio e di idrogeno. L’acqua all’origine delle varie formazioni geologiche del pianeta si sarebbe, quindi, formata nel corso di queste fasi 'bollenti'

 

Laghi su Marte (Credits: William Dietrich / University of California Berkley)Il team della ricerca si è basato su modelli climatici, e ha ipotizzato un’origine vulcanica per i gas serra che si sono accumulati gradualmente nell’atmosfera di Marte

La pioggia, in genere, ripulisce l’atmosfera, mantenendo una quantità di carbonio nel suolo tramite un processo definito degradazione chimica (chemical weathering).

Questo processo, tuttavia, non avrebbe coinvolto più di tanto il Marte del passato su cui, a causa del clima rigido, le precipitazioni dovrebbero essere state scarse. Quindi, secondo i ricercatori, questi fenomeni sarebbero all’origine del riscaldamento del corpo celeste. 

Secondo studi precedenti, i 'bollori' del Pianeta Rosso sarebbero dovuti a sconvolgimenti climatici connessi all’impatto di asteroidi sulla sua superficie.

Tuttavia, i planetologi autori della nuova ricerca ritengono che uno scenario del genere avrebbe dato luogo a periodi caldi molto più brevi, con una minore produzione di acqua e, quindi, con un impatto differente nell'azione modellante del suolo. 

Nell'immagine accanto a destra: elaborazione grafica che mostra il Gale Crater di Marte, un tempo colmo di acqua (Credits: William Dietrich / University of California Berkley).