ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News
SPECIALE SU SCIENCE

Le sei facce di Cerere

Dalla presenza di ghiaccio d’acqua al criovulcanesimo, sono tutti dedicati ai recenti risultati della missione spaziale Dawn i sei articoli sul pianeta nano Cerere pubblicati sul numero odierno di Science. Due in particolare si basano sui dati raccolti dallo spettrometro italiano VIR, fornito dall’ASI sotto la guida scientifica dell’INAF

Sei inattese “facce” di Cerere illustrate in altrettanti studi pubblicati, tutti in un colpo solo, sull’ultimo numero di Science. Numero del quale il pianeta nano si è così aggiudicato anche la copertina. Dai risultati dei sei studi emerge il ritratto d’un mondo di roccia e ghiaccio nel quale si scorgono i segni di crateri, di fratture, di criovulcani, forse persino di una debole atmosfera e che, nel complesso, delineano l’attività geologica che ne ha caratterizzato il passato recente.

 

I sei studi derivano tutti da dati raccolti grazie alla missione Dawn della NASA. Tutti gli articoli sono firmati anche da ricercatrici e ricercatori, o da associati, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e due in particolare sono specificatamente dedicati ai risultati delle osservazioni dello spettrometro italiano VIR (Visual and Infrared Spectrometer) a bordo della sonda: strumento chiave per la comprensione di un oggetto come Cerere, VIR è stato fornito dall’agenzia Spaziale Italiana (ASI) sotto la guida scientifica dell’INAF.

 

C’è ghiaccio d'acqua nel cratere Oxo

 

Lo studio guidato da Jean-Philippe Combe del Bear Fight Institute di Winthrop (USA) dimostra la presenza di acqua ghiacciata in superficie.Ora, le condizioni ambientali presenti su Cerere fanno sì che il ghiaccio d’acqua non riesca a permanere in superficie per più di qualche decina di anni a basse latitudini. Di conseguenza, i risultati di Dawn si potrebbero spiegare solo con un’esposizione o una formazione d’acqua in tempi recenti. Tra le varie ipotesi quella ritenuta più plausibile è l'esposizione di materiali ricchi d’acqua, vicini alla superficie, a seguito d’un impatto o di uno smottamento.

 

Distribuzione dei diversi materiali sulla crosta

 

In un secondo studio, guidato questa volta da Eleonora Ammannito dell’Università della California viene analizzata la distribuzione su Cerere dei minerali fillosilicati argillosi, che contengono magnesio e ammonio. Poiché questi minerali, per formarsi, richiedono la presenza di acqua, gli autori avanzano l’ipotesi che il materiale presente in superficie abbia subito alterazioni a seguito di un processo a larga scala nel quale l’acqua abbia avuto un ruolo fondamentale.

 

Un'atmosfera per Cerere

 

Dallo studio guidato dal principal investigator di Dawn, Christopher Russell, emerge un risultato sorprendente: Dawn sembra aver rilevato, attorno al pianeta nano, una debole e precaria atmosfera. I dati raccolti dallo strumento GRaND (Gamma Ray and Neutron Detector) mostrano come Cerere abbia accelerato a energie molto alte, per un periodo di circa sei giorni, gli elettroni del vento solare. Un fenomeno che, in teoria, potrebbe essere spiegato dall’interazione tra le particelle energetiche del vento solare e molecole atmosferiche.

 

Criovulcanesimo, ghiacci e crateri

 

Dei tre studi rimanenti, uno riguarda l’attività criovulcanica, e in particolare una formazione geologica chiamata Ahuna Mons, un altro analizza i crateri da impatto presenti su Cerere, l'ultimo rivolge l’attenzione alle diverse caratteristiche geologiche osservate in superficie.