ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Galileo, al via la fase di test del Public Regulated Service

L’Italia ha partecipato allo sviluppo del servizio con un proprio ricevitore, sperimentato sul territorio nazionale

Gli stati membri dell’Unione Europea hanno avviato i test indipendenti del PRS (Public Regulated Service), un servizio di posizionamento ad alta precisione fornito tramite i satelliti della costellazione Galileo.

Il PRS è una delle più importanti caratteristiche della costellazione, ed è stato pensato per fornire posizionamento e tempo ad applicazioni sensibili, che richiedano un elevato livello di continuità, come servizi e infrastrutture strategiche ad alto livello di sicurezza (controllo traffico aereo, guida automatizzata di treni e navi, polizie, attività militari). Il servizio fornirà un segnale criptato , destinato ad utenti espressamente autorizzati dai governi nazionali.

Belgio, Francia, Italia e Regno Unito hanno recentemente eseguito i test di acquisizione indipendente e posizionamento. In parallelo, l'ESA, attraverso la collaborazione con le autorità olandesi e italiane, sta conducendo la  convalida del servizio in versione fissa e mobile, in diverse località nei Paesi Bassi e in Italia.

L’Italia, è inoltre l’unico Paese ad aver sviluppato un proprio ricevitore, che ha confermato durante i test la fruibilità del segnale sulla base delle specifiche fornite da ESA. L’accesso al PRS era inizialmente previsto nella fase di piena operatività di Galileo, ma a causa del crescente interesse dei Paesi europei per i suoi servizi, è stato attivato nel 2013.

Per consentire l'accesso anticipato al PRS durante la fase attuale, la Commissione europea e l'ESA hanno dato il via al  progetto comune “PRS participants To IOV” (PPTI), nel luglio 2012. Il progetto rappresenta il primo passo per garantire l'utilizzo del servizio PRS appena sarà operativo. Esso sarà integrato dai Progetti Pilota, focalizzati su applicazioni PRS, che sono attualmente in fase di definizione grazie allo sforzo comune degli Stati membri dell'Unione europea, della Commissione europea, dell’ESA e della European Global Navigation Satellite System Agency.