La strada che porta allo spazio passa per il nostro bel Paese.

ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi

Swift, dieci anni di scoperte

Roma, Università La Sapienza, 2-5 dicembre

A dieci anni dal lancio, avvenuto il 20 novembre 2004, L’Osservatorio di Brera dell’INAF organizza un convegno per celebrare gli eccellenti traguardi scientifici collezionati dal satellite Swift

L’evento si svolgerà dal 2 al 5 dicembre presso la Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università La Sapienza di Roma.La tre giorni sarà aperta dai saluti del presidente dell’INAF Giovanni Bignami, da Barbara Negri responsabile dell’Unità Esplorazione e Osservazione dell’Universo dell’ASI e dal Prof. Egidio Longo direttore del Dipartimento di Fisica della Sapienza.

Swift è un osservatorio spaziale in grado di osservare rapidamente ed autonomamente sorgenti esplosive come i Gamma Ray Burst (GRB) e altri eventi celesti transienti mediante l’utilizzo dei suoi tre strumenti di bordo: il Burst Alert Telescope (BAT), l'X-Ray Telescope (XRT), e l'UltraViolet/Optical Telescope (UVOT).

L’eccellenza scientifica dei risultati di Swift e’ stata riconosciuta nel corso degli anni da tutta la comunità scientifica e nel 2007 il team della missione ha ricevuto il premio Bruno Rossi dell’American Astronomical Society. Il contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana alla misione consiste nell’utilizzo della stazione di terra di Malindi per le operazioni in orbita. I dati scientifici sono inviati al Mission Operation Center situato in Pennsylvania tramite la rete ASINeT per poi essere processati con un  software prodotto dall’ASI Science Data Center (ASDC). Le informazioni   vengono infine inviate ai tre centri dati della missione, HEASARC, UKDC e ASDC per l’archiviazione e la distribuzione alla comunità scientifica generale.