La strada che porta allo spazio passa per il nostro bel Paese.

ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi

Il Mediterraneo guarda al futuro

Il 7 giugno a Bruxelles la conferenza “BluemassMed European Demonstration Conference”

Si svolgerà a Bruxelles il 7 giugno prossimo la “BluemassMed European demonstration conference” la conferenza finale del progetto pilota BluemassMed. Nell’ambito dell’evento si terrà la live demo del prototipo di rete europea di sorveglianza marittima integrata. Il dimostratore italiano è stato realizzato con la partecipazione delle amministrazioni nazionali competenti in materia e delle principali aziende italiane del settore. L’Italia è il co-chair europeo del progetto, insieme alla Francia. L’Agenzia Spaziale Italiana svolge un ruolo di grande rilievo in BluemassMed, in quanto ne condivide la guida con l’agenzia governativa francese ed è il soggetto capofila dei partner italiani. Nell’ultima conferenza “BluemassMed National Conference” che si è tenuta a Roma lo scorso 3 maggio, sono stati presentati i risultati del progetto pilota realizzato grazie alla collaborazione di 37 amministrazioni nazionali competenti in affari marittimi dei 6 stati mediterranei partecipanti (Francia, Grecia, Italia, Malta, Portogallo, Spagna). Il progetto, promosso dalla Commissione Europea, prevede l'utilizzo di sistemi spaziali nazionali ed europei, che operano nei settori dell’Osservazione della Terra, Telecomunicazione e Navigazione satellitare e il contributo della costellazione COSMO-SkyMed è dunque uno degli elementi chiave.


A due anni dall’avvio di questo ambizioso progetto, la conferenza di Bruxelles sarà una importante opportunità di confronto su diverse tematiche. I relatori coinvolti nelle tavole rotonde “Need of cooperation for enhanced efficiency, gaps that BMM addresses” e “BMM answers: operational and technical concepts, network, services, architecture, experimentation” discuteranno della necessità di una politica marittima integrata a livello europeo, delle sfide che il sistema di sorveglianza dovrà affrontare e le sue prospettive future. 


Il progetto costituisce una componente strategica essenziale per l’assolvimento dei numerosi compiti operativi necessari al controllo delle attività marittime connesse agli usi civili e commerciali del mare. Un altro obiettivo è quello di migliorare l’efficacia delle autorità competenti mettendo a disposizione molti più strumenti e informazioni oltre a creare sinergie, ottimizzando le risorse già disponibili per aumentare gli standard di sicurezza. BluemassMed servirà dunque a rafforzare il coordinamento e la cooperazione nel campo della sorveglianza marittima tra i principali Stati Membri dell’Unione che si affacciano sul Mediterraneo, e costituirà un punto focale per la creazione di una Politica Marittima Integrata (PMI) a livello europeo.