La strada che porta allo spazio passa per il nostro bel Paese.

ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi ASI - Agenzia Spaziale Italiana - Eventi

57° COPUOS a Vienna

Gremita partecipazione italiana. Presenti anche la Cristoforetti e Parmitano. Dall'11 al 20 giugno 2014

18 giugno

In corso a Vienna la 57° sessione del COPUOS (Committee On the Peaceful Uses of Outer Space). Il meeting, che si protrarrà fino al 20 giugno,  è stato aperto l'11 giugno dal Direttore dell'Ufficio degli Affari Spaziali delle NU, UNOOSA l'italiana Simonetta Di Pippo. Nella giornata odierna  anche il Direttore di UNOV, il quartiere generale delle Nazioni Unite a Vienna, ha incontrato i delegati.

Al comitato prende parte una nutrita delegazione dell’Agenzia Spaziale Italiana, costituita da Gabriella Arrigo (Responsabile Unità Alta Formazione e Relazioni Internazionali), Sveva Iacovoni (Unità Alta Formazione e Relazioni Internazionali), Mario Caporale (Componente dell’ International Committee on Global Navigation Satellite Systems), Claudio Portelli (Co-Chair of the Sub-Committee of the Long Term Sustainability of Space Activities Working Group on Spase debris) Marco Castronuovo e Alessandro Gabrielli (ambedue componenti dello Space-Mission Planning Advisory Group) e Paolo Giommi (Responsabile dell’ASI Science Data Center). La composizione della Delegazione italiana riflette il multiforme impegno del nostro Paese in vari settori spaziali che necessitano discussioni e soluzioni globali, tra questi i detriti spaziali, NEO (Neo Earth Objects), gli spin-off, la gestione dei disastri naturali e dei grandi rischi ambientali.

A margine del comitato si è tenuto, il 17 giugno, "Italy in Space", un panel dedicato a prospettive, ricadute e benefici sulla Terra delle attività di volo umano. Al panel hanno preso parte Filippo Formica, Ambasciatore della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Organizzazioni internazionali a Vienna, di Simonetta Di Pippo, Direttore UN-OOSA (United Nations Office for Outer Space Affairs), e gli astronauti Samantha Cristoforetti e Luca Parmitano (quest’ultimo in videoconferenza). Il panel è stato moderato dal giornalista Giorgio Pacifici.

Creato nel 1959, il COPUOS ha lo scopo di promuovere la cooperazione internazionale per un uso pacifico dello spazio, di ideare programmi spaziali da intraprendere sotto l’egida delle Nazioni Unite, di favorire l’attività di ricerca e di studiare i problemi legali che possono derivare dall’esplorazione spaziale.

Il Comitato, di cui fanno parte 76 Paesi, si articola in due Sottocomitati che operano, rispettivamente, in ambito tecnico-scientifico e in quello legale.

Nell'immagine allegata qui sopra, l'Ambasciatore della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Organizzazioni internazionali a Vienna, Filippo Formica e l'astronauta Samantha Cristoforetti fotografati con gli studenti del Master SIOI in Istituzioni e Politiche Spaziali