ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Sfilata di cinque pianeti

Il cielo di gennaio regala uno spettacolo straordinario, con Venere, Marte, Giove, Saturno e Mercurio allineati in una fila visibile a occhio nudo. Il fenomeno non si verificava dal 2005.

 

Una vera e propria sfilata nel cielo, come non avveniva da più di dieci anni: è lo spettacolo che Venere, Marte, Giove, Saturno e Mercurio  offriranno per un mese buono (da oggi e fino a metà febbraio) standosene allineati in un’unica elegante fila da sud-est a ovest.

 

Il tutto sarà visibile - straordinariamente - anche ad occhio nudo: basterà svegliarsi prima che il Sole sorga e guardare in direzione della Luna. Se il cielo non sarà troppo coperto, potremo individuare una linea immaginaria di puntini luminosi, i cinque pianeti.

 

L’Istituto Nazionale di Astrofisica spiega che l’unicità del fenomeno sta soprattutto nella presenza di uno dei protagonisti di questa danza del cielo: Mercurio, il più piccolo dei pianeti e più interno del Sistema Solare.

 

 

È infatti abbastanza comune trovare Venere, Marte, Giove e Saturno allineati nel cielo delle prime ore del mattino. Molto meno usuale è l’unione di Mercurio a questo quartetto: la sua presenza a sud-est, nel punto più basso dell’orizzonte, renderà l'allineamento raro e spettacolare. Spostando lo sguardo verso ovest e salendo leggermente, si incontreranno poi Venere, Saturno e Marte. Un po’ più distante, ma come Mercurio basso sull’orizzonte, ecco Giove.

 

 

Questo spettacolo, che non si vedeva dal 2005, cambierà leggermente alba dopo alba grazie all’intervento della Luna. Dalla fine di gennaio il nostro satellite si sposterà infatti vicino a ogni pianeta, facilitandone tra l’altro l’individuazione. Il 28 gennaio sarà in prossimità di Giove, l’1 febbraio di Marte, il 4 febbraio sarà la volta di Saturno, mentre il 6 febbraio si affiancherà a Venere. Infine sarà vicina a Mercurio, che vedrà una sottilissima falce di Luna appena sotto di lui all’alba del 7 febbraio.

 

 

Tutto ciò che ci resta da fare è puntare gli occhi sul cielo e cercare di individuare i cinque pianeti. Un compito che all’inizio potrebbe non essere facilissimo, perché rischiano di confondersi con le stelle brillanti dell’alba. Ma ecco un facile trucco: lo spiega l’astronomo Jason Kendall della William Paterson University in un video che sta facendo il giro del web.

 

 

Per scovare un pianeta dobbiamo chiudere un occhio, stendere una mano davanti a noi e passare molto lentamente il pollice su un puntino luminoso nel cielo. Se il puntino sparisce immediatamente dietro al nostro dito, abbiamo sbagliato bersaglio: si tratta di una stella. Ma se svanisce lentamente, come se fosse sfocato, ecco che abbiamo trovato il pianeta. E possiamo ripetere l’esperimento per cercare gli altri, finché non avremo individuato la fila di cinque pianeti.