ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Scott Kelly, missione compiuta

Si è conclusa  la One Year Mission che ha visto impegnati per un anno sulla ISS l’astronauta americano e il cosmonauta russo Kornienko

Scott Kelly e il suo compagno di missione il cosmonauta Mikhail Kornienko sono atterrati questa mattina quando in Italia erano le 5 e 26  nelle steppe del Kazakstan. Si conclude così la One Year Mission, dedicata alla comprensione delle reazioni del corpo umano nell’ambiente spaziale con l'obiettivo di  ridurre sempre più i rischi per gli astronauti impegnati nelle future missioni di esplorazione verso Marte. "Kelly è stato il primo astronauta americano a passare un anno nello spazio - ha commentato il numero uno della NASA Charles Bolden - e  il suo contributo ha reso l'esplorazione umana di Marte più vicina".

 

Kelly e Kornienko erano partiti dal cosmodromo di Baikonour in Kazakstan il 28 marzo dello scorso anno a bordo dell’Expedition 43.

 

Kelly, che  ha tenuto  la sua ultima inflight call dalla ISS,lo scorso 25 febbraio,  ha dichiarato di sentirsi un privilegiato poiché ha potuto lavorare per un lungo periodo in una struttura scientifica unica al mondo:  ''Da qui ti rendi conto dell'impatto dell'inquinamento sul nostro pianeta e quando sarò a casa spero di poter fare di più per aiutare a proteggere l'ambiente''.

 

 

La particolarità di questa spedizione è che Scott Kelly ha un fratello gemello, Mark Kelly, anche lui astronauta: gli studi compiuti nei 365 giorni a bordo della Stazione Spaziale comprendono anche la comparazione di dati dai due gemelli, al fine di identificare eventuali piccoli cambiamenti causati dalla microgravità.

 

La One Year Mission prevedeva sette aree di studio: funzionale, salute comportamentale, disabilità visive, metabolismo, prestazioni fisiche, microbica e fattori umani per un totale di 400 esperimenti effettuati con decine di ore  di sperimentazioni nei laboratori della ISS e sugli astronauti stessi.

 

Kelly ha anche assistito alla fioritura delle zinnie nella "serra cosmica"– la facility Veggie – l’8 gennaio scorso un esperimento ideato per verificare il comportamento delle piante da fiore in condizioni di microgravità, soprattutto in rapporto a paramenti ambientali di particolare criticità come l’illuminazione, e per studiare le modalità di conservazione dei semi in orbita.

Il 2 febbraio poi l’astronauta americano ha attivato per la prima volta la Portable on Board Printer la stampante tridimensionale progettata e realizzata in Italia che ha l’obiettivo di creare pezzi di ricambio e strumenti di lavoro direttamente in orbita. Una missione ricca di successi scientifici che fanno ben sperare per il futuro dell’esplorazione umana nello spazio: ''Cio' che abbiamo fatto  dimostra che possiamo superare le sfide. Se possiamo sognarlo, possiamo farlo, se lo vogliamo veramente -  ha concluso l’astronauta - una delle sfide più difficili da superare, anche in vista delle missioni su Marte è quella psicologica, il dover stare isolati e lontani dalle persone a cui si vuol bene, ma è  una cosa che possiamo affrontare”.