ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Quattro CubeSat per l’OT

La NASA ha dato il via alla costruzione di quattro microsatelliti il cui compito sarà quello di migliorare la comprensione dei fenomeni terrestri

L’Earth Science Technology office della NASA ha dato il via alla costruzione di quattro CubeSatCubeRRT, CIRis, CIRAS e Raincube - il cui compito sarà quello di migliorare la comprensione dei fenomeni terrestri e di validare nuove tecnologie direttamente nello spazio.


L’impiego dei CubeSat è aumentato in modo considerevole negli ultimi anni, grazie ai costi limitati dovuti alle dimensioni ridotte – i neo selezionati saranno abbastanza piccoli da stare nel palmo di una mano - e apporteranno grandi benefici alla ricerca scientifica nel settore dell’osservazione della Terra.

Nel prossimo futuro, saranno il punto di partenza per lo sviluppo di sistemi di comunicazione all’avanguardia per consentire un monitoraggio sempre più accurato del nostro pianeta e del suo clima. CubeRRT sviluppato dall’Università dell’Ohio sarà in grado do osservare, rilevare e mitigare le interferenze di radiofrequenza (RFI) per radiometri a microonde, strumenti che misurano le proprietà della Terra quali il vapore acqueo presente nell’atmosfera e l’umidità del suolo.

 


Ciris  della Ball Aerospace & Technologies Corporation, convaliderà algoritmi per l’elaborazione dei dati, nonché la taratura di  strumenti in orbita per l'attivazione di nuovi strumenti che potrebbero essere utilizzati in un’ampia gamma di missioni, incluse quelle dei Landsat, i capostipiti del telerilevamento satellitare non militare.

 

CIRAS  progettato dal Jet Propulsion Laboratory della NASA si occuperà delo  per sviluppare uno strumento compatibile con le dimensioni di un cubesat per confrontare le misurazioni di temperatura e vapore acqueo effettuate dai satelliti Aqua e del NASA-NOA Joint Polar System Satellite.

 

Il satellite Raincube infine, fornirà la risoluzione temporale per le osservazioni climatiche  che potrebbero essere utilizzate per migliorare i modelli utilizzati per la previsioni meteorologiche.