ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News
GRAZIE ALL'INTERFEROMETRO DEL VLT DELL'ESO

Polvere di stella... senescente

Per la prima volta è stato visto nel dettaglio il disco di polveri di una stella nella sua fase di gigante rossa ed è paragonabile al disco protoplanetario di una stella giovane

L'interferometro del VLT (o VLTI) all'Osservatorio dell'ESO al Paranal in Cile ha ottenuto l'immagine più nitida di sempre del disco di polvere che circonda una stella senescente. Per la prima volta si possono confrontare queste strutture con quelle delle stelle giovani che appaiono sorprendendemente simili. 

 

Mentre si incamminano verso la fine della propria vita, molte stelle sviluppano dischi stabili di gas e polvere intorno a sè. Questo materiale è stato espulso dai venti stellari, mentre la stella stava attraversando la fase di gigante rossa nella sua evoluzione. Questi dischi assomigliano a quelli che formano i pianeti intorno alle stelle giovani. Ma finora gli astronomi non hanno potuto confrontare le due classi di dischi, quelli che si formano all'inizio con quelli che si formano alla fine del ciclo vitale di una stella.

 

Un'equipe di astronomi guidata da Michel Hillen e Hans Van Winckel dell'Instituut voor Sterrenkunde di Leuven, Belgio, ha sfruttato tutta la potenza dell'interferometro del VLT (VLTI o Very Large TelescopeInterferometer) all'Osservatorio dell'ESO in Paranal, Cile, equipaggiato con lo strumento PIONIER e il nuovo rivelatoreRAPID, appena aggiornato.

 

Il loro obiettivo era la stella doppia e vecchia IRAS 08544-4431 a circa 4000 anni luce dalla Terra, nella costellazione meridionale delle Vele. Questa stella doppia è formata da una stella rossa gigante, che ha espulso materia nel disco di polvere circostante, e da una stella più normale, meno evoluta, che le orbita vicino.

 

La struttura più appariscente dell'immagine è l'anello, chiaramente risolto. Il bordo interno del disco di polvere, visto per la prima volta in queste osservazioni, corrisponde molto bene con l'inizio previsto del disco di polvere: più vicino alla stella la polvere evapora a causa della radiazione stellare violenta.

 

L'equipe trova che i dischi intorno alla stelle vecchie sono proprio molto simili ai dischi da cui si formano i pianeti intorno alla stelle giovani. Se una seconda generazione di pianeti si possa formare intorno a queste stelle vecchie è ancora da dimostrare, ma è una possibilità molto interessante.

 

Guarda il video di ASITV