ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Nuovo equipaggio sulla ISS

Giunto alla stazione orbitante il trio Malechenko-Kopra-Peake, che era partito regolarmente da Baikonur con un Soyuz e tornerà sulla Terra il 5 giugno prossimo. Video: gli highlights del lancio

Alle 20:58 del 15 dicembre, ora italiana, si sono aperte le porte di collegamento con la ISS e la nuova crew è entrata nella casa orbitante. Il docking era avvenuto alle 18:33, esattamente sei ore e mezza dopo il lancio dal cosmodromo russo di Baikonur. 

 

Il vettore Soyuz FG incaricato di portare in orbita la navetta Soyuz TMA-19M con a bordo il cosmonauta Yuri Malenchenko (Roscosmos, comandante della Soyuz) e gli astronauti Tim Kopra (NASA) e Tim Peake (ESA) si era staccato dalla sua rampa di lancio nella steppa kazakha esattamente alle 12:03.

 

Il 'soggiorno' di Peake, Kopra e Malenchenko sulla ISS durerà sei mesi, fino all'inizio di giugno. Insieme ai compagni già in orbita effettueranno numerosi esperimenti di biologia, fisica, biotecnologia e scienze della Terra.

 

Exp 46Peake, in particolare, segna un momento storico per il suo paese: alla sua prima esperienza di volo, è infatti il primo astronauta britannico ad andare nello spazio per conto nell’ESA. I suoi sei predecessori avevano infatti volato per la NASA o per Roscosmos.

 

La sua missione è stata battezzata 'Principia' dalla celebre opera "Naturalis Principia Mathematica" di Isaac Newton. Sarà anche l’ottavo astronauta dell’ESA a svolgere una missione di lunga durata, mentre Malnchenko e Kopra invece sono due veterani: ambedue già protagonisti di “passeggiate spaziali”.   

 

La crew partita oggi 'dà il cambio' a  Kjell Lindgren (NASA), Oleg Kononenko (Roscosmos) e Kimiya Yui (JAXA), i tre ingegneri di volo dell’Expedition 45 rientrati sulla Terra venerdì scorso 11 dicembre a bordo di una Soyuz TMA-17M
 

L'atterraggio è avvenuto più o meno a metà strada tra Baikonur e Astana, nelle steppe del Kazakhistan, una manciata di minuti dopo il tramonto: alle 19.12 (ora locale, le 14:12 in Italia).  


landing Exp 45Il terzetto era partito lo scorso 22 luglio e ha trascorso in orbita 141 giorni, dedicandosi ad attività di ricerca e alle consuete operazioni di manutenzione della ISS. Kononenko, al suo terzo soggiorno nello spazio, ha totalizzato nel complesso 533 giorni in orbita, mentre i suoi colleghi Lindgren e Yui hanno vissuto la loro prima esperienza di volo. 
 

Il momento del distacco della Soyuz dalla Stazione ha segnato l’avvio dell’Expedition 46, il cui comandante sarà ancora Scott Kelly della NASA.


Per quattro giorni , da venerdì scorso, la casa cosmica è stata gestita da un equipaggio di tre sole persone: Kelly e i suoi colleghi Mikhail Kornienko e Sergey Volkov della Roscosmos. 

Kelly e Kornienko, partiti il 27 marzo 2015 con l’Expedition 43, sono peraltro i componenti della “one year mission”, ideata per approfondire le reazioni fisiche, biologiche e psicologiche degli astronauti in una situazione di maggiore permanenza nel cosmo.