ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News
EU-ESA ISMM

Lo Spazio europeo a Tallin con la presidenza Estone

Ha avuto luogo a Tallinn l’EU-ESA Informal Space Ministerial Meeting (EU-ESA ISMM) sul futuro del programma Copernicus e come favorire il dialogo tra i Paesi Membri

Nell’ambito delle iniziative promosse dall’Estonia nel corso della Presidenza di turno dell’UE, il 7 novembre 2017,  ha avuto luogo a Tallinn l’EU-ESA Informal Space Ministerial Meeting (EU-ESA ISMM). I Ministri e i rappresentanti nazionali dei paesi ESA e UE hanno discusso sia il futuro del programma Copernicus, sia come favorire il dialogo  tra i Paesi Membri di entrambe le organizzazioni (ESA e UE) per lavorare in sinergia e assumere posizioni coerenti e costruttive per la realizzazione di asset strategici come quello spaziale.

 

L’EU-ESA ISMM, è stato presieduto dal Ministro estone “of Entrepreneurship and Information Technology”, Urve Palo, e dal Segretario Generale Spagnolo per le Industrie e le PMI, Begona Cristeta Blasco, come co-presidente, trattandosi dell’incontro congiunto dei ministri dei Paesi UE e ESA. Per l’Italia, su delega della Ministra per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, Valeria Fedeli, ha partecipato il presidente dell’ASI, Roberto Battiston.

 

Il pomeriggio di lavoro è stato aperto dai due co-presidenti: il Ministro Estone e il Segretario Generale Spagnolo. A seguire sono intervenuti il Commissario Europeo Elzbieta Bienkowska e il Direttore Generale ESA, Johann-Dietrich Woerner e gli HoD di tutti gli Stati Membri UE (ad eccezione di Lussemburgo e Croazia), Norvegia, ed i Direttori di EDA, GSA e Eumetsat.

 

Nel corso del dibattito, tutti gli intervenuti hanno riconosciuto il successo del programma Copernicus e hanno sostenuto l’interesse alla sua continuazione ed evoluzione. Sono state sottolineate l’importanza e le potenzialità di Copernicus con particolare riferimento ai possibili vantaggi sociali ed economici anche per chi non appartiene al settore spaziale. È stata inoltre sottolineata la necessità di garantire la stabilità finanziaria del programma e le opportune sinergie con le altre iniziative dell’EU nell’ambito di una visione spaziale europea di lungo termine.

 

Il Presidente Battiston, per parte italiana, ha espresso la piena soddisfazione per il successo del programma Copernicus, e ha evidenziato, tra l’altro, gli obiettivi primari della continuazione del programma: continuità dei servizi operativi esistenti, il loro miglioramento per rispondere alle nuove sfide evidenziate dalla Strategia Spaziale Europea, lo sviluppo di nuovi servizi e applicazioni per gli utilizzatori appartenenti a settori non spaziali, una politica industriale che rifletta le esigenze delle nuove condizioni di mercato.