ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Juno, manovra verso Giove

Si avvicina il traguardo per la sonda della NASA. A cinque mesi dal rendez-vous con il gigante gassoso, Juno ha eseguito con successo una manovra per sistemare la sua traiettoria

Ha corretto il tiro verso la sua meta finale e si sta preparando per l’incontro con il pianeta più grande del Sistema Solare. Protagonista della manovra è stata la sonda Juno della NASA che il 3 febbraio scorso, alle 17.38 (ora di Greenwich), ha effettuato il primo aggiustamento della sua traiettoria intorno al Sole

La serie di operazioni è stata mirata al perfezionamento del rendez-vous con Giove, schedulato per il 4 luglio 2016. Prima di raggiungere la meta Juno dovrà svolgere un’altra correzione dell’orbita il prossimo 31 maggio

Durante la manovra, i propulsori della sonda hanno consumato circa 0,6 chili di carburante e hanno cambiato la sua velocità di 0,31 metri al secondo. In quel momento Juno si trovava a circa 82 milioni di chilometri dal ‘gigante gassoso’ e a 684 milioni di chilometri dalla Terra.  


Juno (Credits: NASA) Lanciata il 5 agosto 2011 per studiare Giove, Juno orbiterà per 33 volte intorno al suo obiettivo e passerà rasente le nuvole del pianeta. Questi flyby, previsti ogni 14 giorni, permetteranno agli strumenti a bordo di studiare struttura, atmosfera e magnetosfera di Giove. Il ‘compito’ scientifico della sonda durerà 16 mesi.  

La missione fa parte del programma New Frontiers della NASA ed è stata ideata per comprendere l’origine e l’evoluzione del pianeta gigante.

Anche l’Italia contribuisce a Juno, grazie alla solida esperienza nel settore degli spettrometri, camere ottiche e radio scienza. Nello specifico, sono due gli strumenti tricolore: lo spettrometro ad immagine infrarosso JIRAM (Jovian InfraRed Auroral Mapper) e lo strumento di radioscienza KaT (Ka-Band Translator).