ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Countdown per Samantha

Alle 22.01 il liftoff della Soyuz che porterà nello Spazio la prima astronauta italiana. Delegazione ASI a Baikonur. La diretta del lancio alla sede dell’Agenzia Spaziale Italiana a Roma e in streaming su AsiTv

Fino a ieri soffiava un vento gelido a Baikonur, l’enclave russa in Kazakistan dove sono state scritte pagine indimenticabili della storia dell’esplorazione umana dello Spazio.

Questa mattina invece al cosmodromo fa meno freddo - solo cinque gradi sotto lo zero - ed è tutto pronto per cominciare a scrivere un nuovo capitolo del libro: alle 22:01:13” (ora italiana) la Soyuz TMA-M15 con a bordo il comandante russo Anton Shkaplerov e gli ingegneri di volo Terry Virts e Samantha Cristoforetti (@astrosamantha, come si firma sui social network) si staccherà dalla rampa di lancio numero 31, puntando verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Da qui, il 12 aprile 1961, partì Yuri Gagarin e, il 19 giugno del ‘63, Valentina Tereskova: rispettivamente il primo uomo e la prima donna a volare nello spazio. E da qui, oltre mezzo secolo dopo, parte la prima astronauta italiana, impegnata per sei mesi in una missione di lunga durata targata ASIFutura.

“Tutta Italia guarda al volo di @astroSamantha con felicità e trepidazione. Orgogliosi della prima italiana nello spazio!” ha twittato ieri, con l’hashtag _#Futura42, il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che segue da mesi con partecipazione la missione. 

Per seguire in diretta le fasi finali del pre-launch e il lift-off della missione, l'Agenzia Spaziale Italiana ha organizzato un grande evento nella sua sede di Roma, in collegamento video diretto con Baikonur, disponibile in streaming su AsiTv.

Alla serata prenderanno parte il presidente dell'ASI, Roberto Battiston e gli astronauti Roberto Vittori, Paolo Nespoli e Luca Parmitano.  E’ prevista anche la presenza del ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Stefania Giannini, del direttore ESA dei Voli Spaziali Abitati Thomas Reiter e del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare Pasquale Preziosa

Ieri mattina, intanto, la delegazione dell’ASI presente a Baikonur ha incontrato al Cosmonaut Hotel Samantha Cristoforetti, che essendo in quarantena era – come si vede nella foto a destra – protetta da una parete di vetro.

“Samantha – raccontano Vittorio Cotronei, Jean Sabbagh e Salvatore Pignataro  - è in ottima forma e pronta per la sua missione. Le abbiamo portato i saluti e l’in bocca al lupo di tutta l’Agenzia Spaziale Italiana”.

La delegazione, rappresentata Jean Sabbagh in qualità di delegato al board PB-HME, ha poi preso parte alla “State Commission” che ha dato formale investitura all’equipaggio della Expedition 42 della ISS.


Alla Commission, presieduta dal numero uno dell’Agenzia Spaziale Russa (Roscosmos) Oleg Ostopenko, ha preso parte l’equipaggio della missione e tutti i responsabili del lancio, oltre al NASA ISS Programme Manager Mike Sufreddini, all’ESA ISS Programme Manager Bernardo Patti e al sindaco della città di Baikonur.

Tutti hanno concluso che sono pronti al lancio. Bernardo Patti, in particolare, ha ringraziato l’ASI per aver procurato questa opportunità di missione a lunga durata stipulando a suo tempo l'accordo con NASA.

Subito dopo si è svolta una conferenza stampa, nel corso della quale Samantha Cristoforetti ha nuovamente dato atto del ruolo di ASI nella missione parlando dell’incontro della mattina con la delegazione dell’Agenzia e menzionando gli esperimenti e le attività educative.

La 'scaletta' del lift-off

L’equipaggio prenderà posto sui seggiolini della piccola e spartana navicella russa – recentemente modificata per arrivare sulla ISS in sole sei ore - trenta minuti prima del lancio. Per distrarsi potrà ascoltare la playlist di cinque brani scelti appositamente dalla Cristoforetti.

Fanno parte della  #Launchpadsongs scelta dalla nostra @astrosamantha"December, (Oh, What a Night)", di Frankie Valli and The Four Seasons; “We are ready”, dei Boston; “Salirò” di Daniele Silvestri; “Don’t Stop me Now”, dei Queen; e, infine, “Get the Party Started”, di Pink.

La separazione del primo stadio avverrà dopo un minuto e 58 secondi dal lancio, a 42 chilometri di quota. Il secondo si staccherà tre minuti più tardi, a 176 chilometri di altezza. Meno di nove minuti dopo la partenza, a 208 chilometri dalla Terra, avverrà la separazione del terzo stadio e l’inserimento in orbita: la navicella a quel punto viaggerà a 25mila chilometri all’ora.

Subito dopo inizierà la rincorsa alla Stazione Spaziale Internazionale, che si trova a un’altezza di circa 400 chilometri e viaggia a 28mila chilometri l’ora. Dopo aver girato per quattro volte intorno alla Terra, in circa sei ore, la Soyuz arriverà alla Iss quando in Italia saranno più o meno le quattro del mattino. A quel punto, dopo l’aggancio alla Stazione Spaziale Internazionale, i tre astronauti equilibreranno la pressione nella navicella con quella della Iss, si toglieranno le tute spaziali e faranno il loro ingresso in quella che per i prossimi sei mesi sarà la loro casa.