ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News
CAUSATE DALLE TEMPESTE SOLARI

Aurore di Giove, 'faro' planetario

Tracciata la causa delle intense aurore a raggi X ai poli di Giove: le tempeste solari. Usando i dati della sonda NASA Chandra X-Ray Observatory e XMM-Newton dell’ESA

E' stata scoperta la causa delle intense aurore boreali, ricche di raggi X riscontrate sul 'gigante gassoso' del nostro sistema solare, Giove. Il 'colpevole'? Le potenti tempeste solari che causano aurore otto volte più luminose di quelle normali e centinaia volte più potenti di quelle terrestri.

 

A rivelarlo è uno articolo pubblicato sul Journal of Geophysical Research - Space Physics, dedicato allo studio di scienze dello spazio, condotto da un team di ricercatori dell'University College London, NASA e altre istituzioni.

 

E' proprio la particolare intensità dell'attività solare, più precisamente l'espulsione di massa coronale dove la materia solare viene lanciata a grandi velocità nello spazio, ad interagire con la magnetosfera dei Giove e causare quindi le aurore.

 

Come sulla Terra, anche sul pianeta gassoso si formano aurore ai poli, in questo caso più energetiche e molto intense di radiazioni di raggi X. Per dare un’idea delle dimensioni, queste aurore gioviane ricoprono un superficie molto più ampia delle dimensioni della Terra stessa.

 

E’ dunque il vento solare, intensificato dalle tempeste solari, che comprime il campo magnetico di Giove. Colpendo la magnetosfera, i cui confini vengono ‘stirati’ fino a 2 milioni di km nello spazio, provoca potenti raggi X, visibili dalle sonde in orbita intorno al polo Nord. Lo studio si riferisce in particolare a delle misurazioni fatte durante una potente aurora a raggi X dell’ottobre 2011. Due osservazioni di 11 ore hanno fornito i dati necessari per risalire al colpevole.

 

In passato era stato localizzato un ‘hot spot’ pulsante sul polo Nord, un punto caldo particolarmente attivo nell’emettere raggi X. Durante le osservazioni del 2011 si è potuto determinare che le sue pulsazioni erano passate da ogni 45 minuti a ogni 26 minuti, in occasione dell’aurora boreale.

 

Questo studio è stato pubblicato a pochi mesi dell’arrivo della sonda NASA Juno nei pressi di Giove. Previsto per l’estate 2016, l’arrivo di Juno permetterà di studiare più da vicino il campo magnetico del gigante gassoso, fornendo un’analisi più profonda su questo tipo di fenomeni.

 

 

Immagini che mostrano le misurazioni fatte in ottobre 2011

Crediti: X-ray: NASA/CXC/UCL/W.Dunn et al, Optical: NASA/STScI