ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

Athena-Fidus ha cominciato il suo viaggio

Il lift off dalla base ESA di Kourou è avvenuto alle 22:30 italiane, con un'ora di ritardo a causa delle avverse condizioni meteo. L'aggancio dal Centro di controllo del Fucino nominale dopo circa 40 minuti. Il video

La platea che gremiva l'auditorium alla sede ASI di Roma è rimasta col fiato sospeso per quasi un'ora: da Kourou era stato infatti deciso lo stop del count-down a meno sette minuti a causa del maltempo. Ma proprio quando si cominciava a fare i conti alla finestra di lancio, la luce sotto l'orologio è passata dal rosso al verde ed è ripartito il conto alla rovescia.

Da quel momento tutto è avvenuto in modo nominale, senza una grinza. Alle 22:30 il lift-off, con il l'Ariane 5 che spariva quasi subito, inghiottito dalla spessa coltre di nubi sopra la base ESA della Guaiana francese. Quindi il distacco dei fairings, la separazione del primo stadio, l'accensione del secondo.

Fino al rilascio di Athena Fidus, a 32 minuti e 37 secondi dal lancio, salutato da un applauso lungo e liberatorio della sala. Bissato circa sette minuti dopo, quando dal Centro di controllo del Fucino comunicavano ufficialmente l'aggancio del satellite: da lì si manovrerà Athena Fidus, fino a portarlo alla sua orbita geostazionaria. Da dove il satellite di telecomunicazioni duale italo-francese diventerà pienamente operativo per la fine di quest'anno. 

"La cosa più importante - ha detto il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana Enrico Saggese, salutando il pubblico venuto ad assistere al lancio alla sede dell'ASI - è che dopo tanti anni siamo tornati protagonisti in questo settore". Il settore è quello delle telecomunicazioni satellitari, in cui l'Italia aveva rivestito un ruolo di primissimo piano nel passato per uscirne completamente oltre 10 anni fa con il de-orbiting di Italsat F2.

Alle parole di Saggese hanno fatto eco quelle del consigliere di amministrazione ASI Marco Airaghi: "Oggi - ha detto - è un giorno memorabile per l'Italia, perché finalmente rientra in un settore strategico in cui eravamo leader e, dopo l'esperienza di COSMO-SkyMed, dimostra che si può fare 'duale' anche nelle telecomunicazioni".

A sugellare la serata all'Auditorium dell'ASI, prima della chiusura affidata dal 'conduttore' della serata, il professor Roberto Somma, ai saluti di Saggese, sono state le parole del Consigliere per la Scienza e la Tecnologia dell'Ambasciata di Francia in Italia, Denis Moura: "Siamo molto onorati ed orgogliosi - ha dichiarato dal palco a nome del suo paese, dopo aver ripercorso il significato della missione di Athena Fidus - di essere i partner dell'Italia e di affrontare il futuro con voi". 

 

Athena Fidus

Nato da un accordo firmato nel 2006 tra l’Agenzia Spaziale Italiana e il Centre National d’Etudes Spatiales (CNES), il satellite Athena Fidus (Acces on THeaters for EuropeanAlliedforcesNAtions - French Italian Dual use Satellite) è un sistema di telecomunicazioni duale (civile e militare). Il primo contraente del programma per conto di ASI e CNES è Thales Alenia Space, che è anche responsabile dello sviluppo, costruzione, collaudo e consegna in orbita del satellite per conto dei Ministeri della Difesa francese e italiano. Telespazio, società Finmeccanica/Thales, è coinvolta nella realizzazione del segmento di terra e dei servizi di lancio; inoltre gestirà la messa in orbita del satellite.