ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News ASI - Agenzia Spaziale Italiana - News

ASI e Comune di Roma lanciano il programma TESEO

COSMO-SkyMed verrà utilizzato per monitoraggio ambientale e archeologico

Promuovere lo sviluppo di sinergie altamente specializzate per implementare il controllo dei flussi di traffico e a vantaggio del monitoraggio ambientale, attraverso l’utilizzo di tecnologie satellitari. È l’obiettivo del protocollo di intesa firmato oggi in campidoglio da Comune di Roma e Agenzia Spaziale Italiana (nella foto il momento della firma da parte del Presidente ASI Enrico Saggese e del Sindaco di Roma Gianni Alemanno).

 

Il protocollo di intesa nasce nell’ambito del nuovo piano di sviluppo di Roma Capitale, che crea per la città l’esigenza di dotarsi di risorse gestionali e tecnologiche innovative, più adeguate all’obiettivo di fornire applicazioni e servizi di pubblica utilità, caratterizzati da migliore efficacia, disponibilità, trasparenza ed aderenza alle reali necessità del cittadino.


A seguito della firma del protocollo, l’Agenzia Spaziale Italiana mette a disposizione della città di Roma le sue tecnologie e in particolare COSMO-Skymed, un sistema satellitare che consente la copertura globale del nostro pianeta, operando in qualsiasi condizione meteorologica e di illuminazione (giorno/notte). Il sistema COSMO-SkyMed è in grado di fornire, su scala planetaria, informazioni del tutto innovative per lo studio e il controllo dell’ambiente, acquisendo sino a 1.800 immagini radar al giorno.

In un ambito urbano come quello della capitale, COSMO può fornire informazioni preziose per:
- la gestione e la pianificazione delle risorse
- la sicurezza del territorio,
- il controllo della stabilità degli edifici 

Il PROGRAMMA TESEO (TEcnologie Satellitari e SErvizi Operativi per Roma capitale)
Considerando le molteplici possibilità di applicazione e valutando le priorità, Comune di Roma e ASI inizieranno la sperimentazione con un progetto sulla viabilità della città di Roma grazie all’applicazione di tecnologie innovative sviluppate attraverso l’utilizzo dei satelliti, analizzati da software applicativi di ultima generazione.


Il programma, attraverso la condivisione delle competenze tecnico-gestionali di eccellenza e delle sinergiche risorse umane e finanziarie tra diversi enti, pubblici e privati, ha l’obiettivo di sviluppare una piattaforma gestionale multiservizio centralizzata, tecnologicamente innovativa, che possa garantire:
- una maggiore efficienza dei servizi erogati
- una più alta integrazione operativa delle diverse applicazioni 
- la piena interoperabilità con tutte le altre reti ed i sistemi informatici e di comunicazioni con cui è previsto interfacciarsi.

 

La piattaforma è progettata con lo scopo di erogare servizi sia verso il cittadino, sia verso la pubblica amministrazione e le aziende interessate all’analisi del suolo e del sottosuolo; integra in modo omogeneo una serie di basi di dati, sia storiche che in tempo reale, consentendo in tal modo di indirizzare il bisogno informativo di una pluralità di soggetti pubblici e privati.

 

Una prima applicazione della piattaforma integrata di monitoraggio ambientale è orientata alla conservazione e fruizione del patrimonio archeologico, e sarà indirizzata sia verso il cittadino che verso la pubblica amministrazione che verso le aziende coinvolte.